Vendere su Beatport

Vi vorrei porre un quesito che penso interessi non solo me.
Per risultare utile a più persone vedo di creare un ipotetico caso generico:
ipotizziamo che io abbia composto una canzone House, o comunque di genere simile.
Quali sono i passi che devo compiere per arrivare a vendere il pezzo su Beatport? (o siti simili)
(ovviamente diamo per scontato che il pezzo sia valido e che abbia la fortuna di piacere a qualche Label)

Sempre x i motivi che ho citato prima, poniamo inoltre che io:
non sia iscritto alla Siae
non conosca nessun discografico
non abbia la possibilità di aprire una label propria (nemmeno virtuale)
non sia il figlio di uno dei Pooh :-)

P.S: secondo me sarebbe utile che chi risponde facesse un vero e proprio elenco a punti dei passi da compiere.
P.S.2: non sono alla ricerca di nessuna formula per diventare il nuovo FatBoySlim, ma magari sarebbe utile se qualcuno raccontasse la propria esperienza in merito.

Spero di essermi spiegato correttamente....
Ciao Boyz

Re: Vendere su Beatport

Ciao, mi spiace...l'unica "procedura" che conosco perchè l'ho fatta io per conto di una band, è quella per vendere i brani via itunes, napster, ect...(diciamo i portali più importanti) senza essere label ect...

se ti interessa guarda questo sito: www.tunecore.com

Ciao,
Damiano.

Re: Vendere su Beatport

Curiosità mia
Bisogna comunque essere iscritti alla SIAE per pubblicare, anche se non si è sotto contratto sotto nessuna etichetta, giusto?

______________________________________________________________
"There is only one good use for a small town...
You hate it! And you know you have to leave..."

Re: Vendere su Beatport

per vendere su beatport ormai non è poi così complicato e purtroppo ora come ora è invaso da prodotti moooolto mediocri...

comunque, premettendo di avere 3/4 pezzi degni di nota, finiti (e non bozze!) si fa una ricerca di label che potrebbero essere interessate al nostro prodotto: ovviamente bisogna trovare label che abbiano un suono che si avvicini al nostro.

una volta che la label risponde positivamente vi invieranno il contratto da firmare; se non si è iscritti alla siae e non si sono depositati i brani, i diritti sui brani saranno della label; a voi un piccolo compenso sulle vendite che verrà dato ogni sei mesi (sempre che si raggiungano le soglie minime, tipo 50euro).

spero di essere stato chiaro. ;)

la mia musica: http://www.myspace.com/dannyloscippodj

Re: Vendere su Beatport

da quello che vedo non è compreso Beatport. grazie comunque,molto utile.

Se c'è qualche altro consiglio è bene accetto.

Re: Vendere su Beatport

quindi diciamo che il passo principale è quello del contatto con la label.

Re: Vendere su Beatport

e se la Label sono io come mi devo muovere per vendere su beatport?

come Vendere su Beatport

e se la label è la tua, dovresti sapere come si fa :P

su beatport c'è il form apposta!

 

Oppure più semplicemente, rivolgiti a chi ha un'etichetta vera, e lo fa di professione.

Ad ognuno il suo mestiere ;-)

Re: come Vendere su Beatport

Eh! quindi secondo il tuo ragionamento nessuno può mettere su un etichetta?

Ci sarà comunque una prima volta..non credi? C'è stata per tutti...

Per adesso ho pubblicato in vari siti, ma non su beatport!

Tu sai come fare o no?

Dove è il form su beatport?

Re: come Vendere su Beatport

Il mio ragionamento è semplice. Le cose, vanno fatte a norma di legge!

Dici di essere un'etichetta (la Label sono io) e di aver già pubblicato? (ho pubblicato su vari siti)

 

Quindi hai una società?

Una società è iscritta in camera di commercio.

il codice ATECO deve corrisponde ad un discografico (non certo al fruttivendolo).

Se hai rispettato queste norme (senza eludere il fisco), sei a buon punto per essere riconosciuto dall'associazione internazionale dei discografici,

ed ottenere infine una licenza di "etichetta" (vera) riconosciuta in tutto il mondo.

 

Dopo tutto questo, puoi iniziare a mettere in commercio i tuoi prodotti come una label vera,

ricordandoti di pagare i diritti d'autore,

e infine (solo infine) si cerca di stipulare degli accordi di distribuzione con Beatport,

che trovi, come ti ho detto sul loro sito.

Re: come Vendere su Beatport

Scusatemi se mi intrometto, ma le cose non stanno proprio cosi....

Esisistono le Creative Commons Royalties x la tutela dei brani, ed esistono proprio siti come BeatPort (ma anche altri), dove chiunque puo' vendere la propria, ma anche altrui musica (se ha stipulato un contratto per la vendita con l'interessato).

Se un'artista non trova una "vera" label interessata alla produzione fisica di un disco, o alla semplice vendita digitale del materiale musicale (ma non solo), ma è comunque interessato alla pubblicazione, e al riconoscimento delle royalties nel caso i brani vengano riprodotti in radio, o da un DJ (che fa il suo bel borderò :-)), basta che lui registri il suo materiale alla SIAE (se affiliato) o le registri appunto con le CC Royalties....

Io ad esempio, tempo addietro, dopo una non molto proficua collaborazione un'etichetta, mi trovai con 4 brani che mi piacevano molto, ed ho preferito registrarli con le CC (gratuitamente) e venderli su diversi siti attraverso TuneCore.... Ora è scaduto l'abbonamento e non l'ho ancora rinnovato, però si può fare...legalmente...

Altre mie produzioni e remix, sono stati registrati sempre in CC o SIAE e affidati ad una etichetta estera che li vende sempre su iTunes, Beatport, etc... e mi corrisponde il 50% degli incassi (contro il 25% offerto da quelle italiane) ed in più hanno la visibilità che solo un'etichetta sviluppata e diffusa puo' dare....

E' chiaro che il discorso "legale" è fondamentale, ma...

Se un'etichetta, registrata, con P.IVA etc... incassa dei soldi li dovrà dichiarare al fisco... ed è chiaro che se un'artista incassa soldi dalla sua musica, dovrà dichiararlo... ma ricordo che per importi sotto una certa cifra (se non sbaglio erano 2000 euro, ma non sono sicuro) annuale, la dichiarazione nel 740 o 730, etc... non è obbligatoria....

 

Il discorso ovviamente è abbastanza complesso, ma si puo' fare...

Re: come Vendere su Beatport

ed è esattamente quello che volevo farvi capire. Tu stesso ti sei rivolto ad un'etichetta (tunecore) che offre un servizio di publishing ;-)

Poi se ti piace spendere 100€ ogni anno, sono fatti tuoi. Di certo non avrai guadagnato molto a pubblicare in questo sistema.

 

Prima di definirsi "etichetta" DEVI fare tutti i passaggi come l'ho elencato, altrimenti stiamo parlando di hobbistica.

Non a caso Beatport seleziona "solo" le etichette riconosciute, non i musicisti improvvisati discografici!

Re: come Vendere su Beatport

Tu ragazzo è il caso che ti tieni calmino, se no qui durerai veramente poco...

Prima del dare del "discografico improvvisato" a chi ne sa moolto più di te di come funziona, e vive nella scena musicale da molto tempo più di te, mi sa che è proprio meglio che ti dia una calmata....  prima di aprire inutili thread..... qui nessuno parla di improvvisarsi discografici, ma di come potrebbe fare un'aspirante musicista agli inizi a pubblicare qualcosina, in maniera veloce, economica e facile.... come credo interessasse al titolare di questo thread...

 

Io, non posso certamente definirmi "agli inizi" (visto che produco e PUBBLICO da 15 anni in America, Italia, Germania, Grecia ed UK), ma credo di poter consigliare TuneCore a chiunque abbia qualcosa da far sentire al pubblico ed intanto "farsi un curriculum...

 

Buona serata !

 

D.

 

Re: come Vendere su Beatport

WOW pure le minacce? :-))  Qui durerai poco?  :-))

 

Prima di tutto Masoch ti sei intromesso di prepotenza, (a meno che non ti chiami rickyl81)i

e secondo con arroganza pretendi di essere pure al centro della mia attenzione?

Il mio discorso non riguarda assolutamente te (e chi sarai mai? :P ) o altri!

 

Il  mio discorso è inteso in senso lato, solo per chiarire CHI si può definire etichetta, cosi come definito a norma di legge. 

Il resto è fuffa, senza pretendere che chiunque interverrà in futuro, si senta in dovere di precisare la sua posizione giuridica!!!

 

Lo ripeto ...

PRIMA DI DEFINIRSI "ETICHETTA"

OBBLIGATORIAMENTE SI DEVE FARE TUTTI I PASSAGGI COME HO ELENCATO:

 

Si apre una posizione con il fisco;

Una società và iscritta in camera di commercio;

il codice ATECO deve corrisponde ad un discografico (non certo al fruttivendolo).

Se si rispettano queste norme (senza eludere il fisco), siete a buon punto per essere riconosciuti 

dall'associazione internazionale dei discografici,

ed ottenere infine una licenza di "etichetta" (vera) riconosciuta in tutto il mondo.

 

Altrimenti stiamo parlando di hobby, e non di discografici professionisti!

Re: come Vendere su Beatport

Sono moderatore, modero: moderatevi. Discutete pacatamente, che "qui" ci piace che gli utenti "durino" tanto ;-)

---
Roberto Giannotta
Trieste, Italy

Re: come Vendere su Beatport

Thanxx :->

Re: Vendere su Beatport

Mah..secondo me per essere un etichetta a norma di legge non devi per forza essere iscritto alla camera di commercio e con partita iva!

Basta denunciare il guadagno e non superare il tetto massimo consentito dalla legge oltre il quale ci vuole la partita iva!

Poi quando i guadagni aumenteranno, uno può pensare anche ad iscriversi alla camera di commercio e a mettere su la partita iva, ma non perchè uno non ha la partita iva allora non deve essere preso in considerazione da beatport!

Beatport più che altro penso che valuti di piu il fatto della qualità della musica prodotta!

Quindi uno prima dovrà farsi un bel curriculum con tunecore e poi quando ha un bel curriculum presentarsi a beatport!

Non credete?

Re: Vendere su Beatport

No, mi spiace. 

 

Non è questione di credere, o di volersi convincere che ci vuole un curriculum per farsi distribuire da BP. :-))

Se vuoi aprire un etichetta, le cose vanno fatte a norma di legge.

 

Io, Bruch ed altri, per pubblicare su Beatport, abbiamo dato mandato a editori e etichette,

e questa non è la mia opinione, questa è certezza per esperienza.

 

Tra l'altro ti ho dato anche il contatto per farti pubblicare da Beatport. Lo hai usato?

Se ci riesci in autonomia, e senza appoggiarti ad un'etichetta, ti offro da bere. ;-)

Re: Vendere su Beatport

Non me ne voglia nessuno..però secondo me oggi come oggi vendere su beatport non è poi nè così difficile nè così prestigioso; ormai chi c'è dietro guarda solo al guadagno e quindi a coloro che generano utili. Per essere più chiaro..o sei Bob sinclar nel caso di un artista o sei la defected, nel caso di un etichetta, e allora va tutto bene, sei seguito hai il tuo spazio ogni canzone và sotto al genere giusto e così via. Per tutti gli altri comuni mortali è un terno al lotto..brani house che vanno sotto techno, brani chill out che sono sotto trance; è un casino, basta andare a vedere le classifiche per capire che non è poi così sbagliato quello che sto dicendo.

Personalmente preferisco aspettare di avere la traccia valida (e non intendo solo un buon master, ma che sia strutturata bene dall'inizio alla fine pause ripartenze groove ecc.) per poi presentarla a un etichetta che magari produce anche vinili. Parere personale ma purtroppo oggi come oggi (per quanto riguarda la musica elettronica) i guadagni l'inizi a vedere non su beatport, ma quando vai nei locali a suonare; e purtroppo, nei locali a suonare non ci vai più solo se fai buona musica e sei bravo a produrre, ma solo se porti gente, quindi se sei un buon pierre.

Aprire un etichetta,l'ennesima, è l'ultima cosa che farei, piuttosto davvero metterei su un gruppo di pierraggio! E comunque alla fine credo che sia molto meglio affidarsi alle label già navigate che pensano a tutto e ti tolgono un sacco di menate!

Per andare su beatport che ci vuole? fai una traccia la mandi firmi un contratto e ciao..da qui a dire che hai un buon prodotto c'è il mare in mezzo! Del resto non è umanamente possibile pensare che tutte le 100000 canzoni che escono ogni giorno su beatport siano tutte di alto livello.

Infine, quoto in pieno quanto ha detto masoch: evitare label italiane a meno che non siano quelle più conosciute e di maggior pregio (o producano vinili). Le straniere sono più serie e pagano di più. Questione di dindi!

Io non sono nessuno per carità però più volte sono stato in classifica su beatport tra i primi 50..risultato? mi ci sono comprato du pacchetti di cicche con quello che ho guadagnato!

Re: Vendere su Beatport

Thomas, hai messo esattamente il dito nella piaga.

Farsi pubblicare da Beatport, non è un problema,

non così facile come racconti tu - firmo un contratto e via -

ma NON PUOI farlo da solo! E' una forma di selezione piramidale

artista > editore > etichetta > distributore.

 

Immaginati se tutti gli artisti del mondo, potessero trattare direttamente con loro,

immagini i costi? E le schifezze pubblicate? Certo molto democratico, ma per le schifezze c'è Jamendo ;-)

 

Sono certo che anche tu, ti sei appoggiato come me, Bruch ed altri ad un editore o un etichetta. Sbaglio forse?

 

Ho provato a spiegare a Ricky81 in PM come funziona Beatport, e non lo scrivo qui perché certi panni sporchi è meglio che se li lavino da soli.

Non a caso Thomas hai scritto

più volte sono stato in classifica su beatport tra i primi 50..risultato? mi ci sono comprato du pacchetti di cicche con quello che ho guadagnato! -

Esatto. Guarda te, ci guadagnano solo loro ;-)

 

Altro punto di riflessione, Beatport era un'azienda Inglese, che dopo alcuni controlli fiscali, ha deciso di mettere la sede in US.

Chissà come mai? :-))

 

Per quanto riguarda grandi artisti dance, famosi come Sinclar, Beatport li paga per avere una sorta di esclusiva,

perchè NESSUNO è in grado di verificare i loro conteggi. Perciò se mi vuoi ... PAGHI l'esclusiva!

 

Se fai caso ad altri remix dance con famosi artisti, cito Christina Aguilera ad esempio,

non trovi nessuna traccia su Beatport. E il motivo ci sarà no?

Re: Vendere su Beatport

Dimenticavo anche questo quote da Thomas

Infine, quoto in pieno quanto ha detto masoch: evitare label italiane a meno che non siano quelle più conosciute e di maggior pregio (o producano vinili). Le straniere sono più serie e pagano di più. Questione di dindi! -

 

Il problema non sono le etichette Italiane. Il problema da evitare è la SIAE.

 

Ovvio che sei iscritto in SIAE e dai mandato ad un etichetta (vera) Italiana,

questa è una società, iscritta in SIAE per legge, e automaticamente perdi il 74% dei guadagni,

poi arriva (di nuovo) lo stato e sul misero 24% ti ri-chiede (perchè la SIAE è lo stato) ancora il 43% di tasse,

infine non ti compri neanche le sigarette :P

 

Per questo che le straniere sono meglio, escludendo Spagna e Grecia che hanno una corruzione pari se non peggio (vedi Grecia) dell'Italia ;-)

 

Questo lo posso scrivere perchè è pubblicato su tutti i giornali :-))

Re: Vendere su Beatport

>>>Aprire un etichetta,l'ennesima, è l'ultima cosa che farei, piuttosto davvero metterei su un gruppo di pierraggio! E comunque alla fine credo che sia molto meglio affidarsi alle label già navigate che pensano a tutto e ti tolgono un sacco di menate!<<<

 

QUOTO AL 100%

 

>>>Io non sono nessuno per carità però più volte sono stato in classifica su beatport tra i primi 50..risultato? mi ci sono comprato du pacchetti di cicche con quello che ho guadagnato!<<<

 

TOMOTO FOR PRESIDENT !

 

Sono perfettamente d'accordo

Re: Vendere su Beatport

Si si anch io mi sono affidato ad alcune etichette, qualcuna mi ha contattato direttamente tramite myspace perchè magari aveva sentito nel player un brano che poteva rispondere alle loro esigenze, altre le ho contattate direttamente io inviando delle demo; di solito nello space delle etichette oppure nel sito vero e proprio tra i contatti c'è l'indirizzo email per inviare demo. Altre ancora invece vogliono direttamente un cd inviato ad un indirizzo di posta.

Personalmente ho deciso di seguire questa politica: ho scelto un etichetta di prestigio che rispecchia il suono che faccio io più o meno; poi ho smesso di inviare demo a tutti e le mando solo a quella etichetta. Ti dico che per ora non sono ancora riuscito a pubblicare qualcosa con loro, ma sono contento così; quando e se ce la farò saprò che ho fatto un prodotto valido. Non ho fretta tanto per me quello della musica è una passione che può solo essere confinata a hobby per i motivi che ho elencato sopra che mi hanno fatto non poco disilludere di questo strano universo. Non voglio fare il pierre quindi non mi voglio piegare a questa strana legge per cui suoni se conosci, suoni se riempi la pista di amici, suoni se hai calci in culo da tazio o caio. E per me quello che è stato più difficile da digerire è stao il vedere l'ignoranza musicale della gente da ballo di oggi; sono della generazione del tenax dei grandi tempi, del kamakama delle grandi serate in cui tutti si era amici e tutti si era li solo e esclusivamente per la musica, era la musica che comandava, no la fia nè la moda del locale nè altro; a quei tempi chi voleva la progressiva aveva il suo locale, chi volea la techno aveva il suo, chi voleva la commerciale anche, adesso non ci si capisce più nulla è tutta una moda tutta una vetrina tutto un modo per andare nel tale locale e sballarsi, la musica purtroppo al giorno d'oggi (mi riferisco ovviamente sempre al mio genere) non la caga più nessuno, e questo è veramente deprimente e poco motivante.

E allora la musica me l'ascolto a casa come e quando mi pare e me la godo tutta, senza dover stare attento a non urtare sbadatamente un capobranco di ventanni che mi accerchia coi suoi amichetti per farmi la festa :P

Chissà magari un giorno invece di un'etichetta riuscirò ad aprire il mio locale "tipo" in cui prima di entrare devi compilare un bel questionario musicale, se azzecchi un tot di risposte entri, sennò stai fuori..ma che sto dicendo?! scusate lo sfoghettino, devono essere i negroni del venerdi sera..mah :D

buona serata a tutti

 

Re: Vendere su Beatport

Ciao a tutti, volevo chiedere gentilmente una cosa.

Ho letto alcuni post, non tutti.

Vengo pubblicato a fine mese su beatport, ma

 

NON SONO ISCRITTO ALLA SIAE

 

ho solamente fatto la musica, la label mi ha accettato, fatto il mastering, ho firmato il contratto dove nn mi specificava alcuna soglia minima di vendite, ma solo il mio compenso e il metodo di pagamento.

Alcuni di voi sopra nei post ha detto che un artista deve dichiarare i guadagni avuti con la propria musica (ovviamente), premettendo che non ho un guadagno che non supera neanche i 5€, potrei avere problemi legali, essendo su beatport e non avendo la SIAE?

 

Alla fine è vendita digitale, stampata su nessun supporto e non presente in alcun negozio di dischi.

 

Credo di no, giusto?

Ovviamente se il mio disco viene suonato in giro non ricevo i diritti ecc ecc lo so!

 

°°°°

Altra domanda, in ITALIA esiste la SIAE ma all'estero??

Un dj all'estero puo scaricare musica e suonarla nei locali senza che gli accada niente, o anche all'estero ce tipo la "SIAE" del posto?

 

 

Spero di ricevere una risposta, ciao a tutti

Christian

Re: Vendere su Beatport

Ok! adesso che ho provato posso essere certo..

Allora:

1) Per pubblicare su Beatport devi essere per forza un etichetta iscritta alla camera di commercio con partita iva altrimenti non sarete accettati!

2) Dovrete affidarvi a qualcuno che farà da tramite perchè è praticamente impossibile avere contatti diretti con Beatport

3) Dovrete presentare a beatport una specie di curriculum dove dovrete anche dichiarare il minimo numero di release che potete garantire ogni mese e poi tante altre cose.. e dovrete essere accettati (difficile essere accettati)

Per tutto quanto detto sopra vi conviene affidarvi a delle etichette già esistenti perchè alla fine del gioco sarà tutta una rimessa se fate da voi! :)

Re: Vendere su Beatport

qualcuno che risponde alla mia domanda x favore?
 

Re: Vendere su Beatport

salve a tutti io sono un produttore certificato s.a.e. adesso voglio vendere a tutti i costi ma se una label accetta un prodotto chi fa il master??? loro o io?? mi date un po di nomi di etichetti house??? estere o italiane forti??

Re: Vendere su Beatport

ciao!

Che corso hai fatto? Electronic music production? E' valido?