la tonalità in key

Salve avrei una domanda da neofita quale sono, mia moglie canta le canzoni di Elisa in tonalità originale.

Una volta ha cantato al piano forte la canzone di Maria naziaonale c'è lei in tonalità re minore, volevo capire quale key corrisponde la tonalità per mia moglie, mi sto dilettando a creare musica con dei loop.

Scusate la confusione.

Re: la tonalità in key

Non ho ben capito la domanda...

vorresti sapere in quale tonalità tua moglie so trova maggiormente comoda a cantare?

Re: la tonalità in key

MI sembra che sia Dm ho d# giusto?

Re: la tonalità in key

No scusa, quando scarica i loop non trovo segnata la tonalità ma una key, volevo capire quale lettera di queste key corrisponde al re minore

Re: la tonalità in key

No scusa, quando scarica i loop non trovo segnata la tonalità ma una key, volevo capire quale lettera di queste key corrisponde al re minore

 

esatto ;)

 

Questo il corrispettivo anglosassone alla nostra notazione:

 

C: Do

  • C#: Do diesis
  • D: Re
  • D#: Re diesis
  • E: Mi
  • F: Fa
  • F#: Fa diesis
  • G: Sol
  • G#: Sol diesis
  • A: La
  • A#: La diesis
  • B: Si

 

 

Re: la tonalità in key

grazie, altre 2 domande, nel piano roll di logic il re minore corrisponde al re dalla parte c1?

poi in una composizione musicale in re minore le note vanno suonate dal re del c1 in sù?

Re: la tonalità in key

...e studiarsi un po' di armonia, no ?...

 

http://corsodimusica.jimdo.com/pillole-di-armonia-musicale-in-pdf-gratis/

dire, fare... suonare

Re: la tonalità in key

 

grazie, altre 2 domande, nel piano roll di logic il re minore corrisponde al re dalla parte c1?
poi in una composizione musicale in re minore le note vanno suonate dal re del c1 in sù?

 

No. Innanzi tutto per Re minore, o maggiore che sia, si intende una raggruppamento di note (scala) che hanno per Tonica (o, detto alla buona, nota d'inizio grazie alla quale la scala prenderà il nome) Re e che sono organizzate in una successione ascendente e/o discendente seguendo uno schema specifico, ovvero quello che darà poi il nome "qualitativo" alla scala (minore, maggiore etc). Quindi una Nota, di per se, non fa una Scala.

 

Arrivati a questo punto credo sia indispensabile un'infarinatura di Armonia e Teoria; purtroppo non si può comporre/scrivere/arrangiare senza avere quel minimo spicciolo di basi teoriche.

Senza di esse il compositore equivarebbe ad un ingegnere/architetto che non conosce le tecniche e i materiali con cui lavora.

Può anche avere in mente il più bel ponte o la più bella struttura architettonica del mondo, ma se la fa di sabbia (poichè è l'unico materiale che conosce) o se magari non sa come si legano i mattoni l'uno all'altro, non vedrà mai realizzarsi la sua idea o, quantomeno, non starà in piedi a lungo ;)

 

Se realmente hai intenzione di indagare in questo campo, anche solo divertendoti, ti consiglio di prendere un qualsiasi manuale di armonia moderna. Vedrai che sarai molto più soddisfatto ;)

Re: la tonalità in key

intanto grazie, ho provato a leggere qualcosa su internet ma non ho le basi quindi molto spesso non capisco la terminologgia, mi consigliate un libro?

Re: la tonalità in key

Vai in un negozio reale o virtuale e compri il " Bona". E' un libro di solfeggio con una stringata ma efficiente sintesi degli elementi principali di Teoria musicale. Li leggi e se avrai altre curiosita' proseguirai gli studi con un buon libro di Armonia come ti e' stato consigliato.

Re: la tonalità in key

Il Bona? Per l'armonia? Meglio un libro di teoria generalo o, meglio ancora: una decina di lezioni con un insegnante reale...

Se proprio vuole e ha tempo può spararsi 'sta roba su YouTube.

Come infarinatura potrebbe andare, ma insisto: meglio una persona vera che valuti cosa sai, cosa hai capito, cosa non hai capito e perché...

 

 

UgOT

http://trafficarte.wordpress.com/

Re: la tonalità in key

Il Bona, Ugo, come sai certamente, non è per farsi una cultura sull'Armonica Classica. 

Semmai potrebbe anadar bene il "De Ninno" (lo trovo ben fatto ed esaustivo).

Il Bona da appunto un'ottima infarinatura sulle Scale Tonali e sulle nozioni elementari ma fondamentali della musica.

Io ho iniziato con quello e devo dire che mi è servito molto come primo passo verso una cultura musicale che ho poi ampliato nel corso degli ultimi 45 anni. 

Insegno chitarra e teoria dell'Improvvisazione Jazz da più di 25 anni. So quello che dico.

Anzi se qualcuno vuole (mi farebbe piacere !) lo invito volentieri sulla mia rubrica "Online Guitar lessons" su Facebook.

Fatemi richiesta di amicizia e vi inviterò in quel Gruppo (ovviamente "chiuso", nel senso di ristretto a coloro che vogliono ottenere gratis una formazione culturale serissima su quegli argomenti).

Vale anche per Te, Carissimo :-)

 

Re: la tonalità in key

di tempo libero ne ho poco il mio lavoro mi impegna molto, mi consigliate un canale di youtube?

 

Re: la tonalità in key

La Musica richiede tempo e passione. E pure spirito di sacrificio. 

 

Senza di questi tre presupposti non andrai mai molto lontano. Mi spiace ma è così.

Re: la tonalità in key

lo sò, per cominciare va bene qualsiasi libro di questo

http://www.trovaprezzi.it/prezzo_spartit...

Re: la tonalità in key

Meglio questo:

 

 

http://www.musicalstore2005.com/ricordi-...

 

il 4° dall'alto ... quello che contiene Appunti di Teoria Musicale (che è la parte che più ti interessa per iniziare)

 

Il solfeggio verrà dopo semmai ... 

Re: la tonalità in key

grazie, sai se alla feltrinelli lo trovo?

Re: la tonalità in key

@fringuello01, ti ho messo un link di Youtube dove trovi diversi filmati molto elementari per iniziare a capire qualcosa, a costo zero.

@Romeo: so benissimo cos'è il Bona, ho studiato e insegnato musica per troppi anni per ignorarlo, purtroppo...

Insisto: per chi è all'inizio basta quello che si trova sul web, per chi vuole approfondire con risultati apprezzabili è meglio un insegnante.

Riguardo al De Ninno: per chi vuole inziare credo sia il metodo peggiore in circolazione! Troppo dettagliato, troppo nozionistico, piuttosto antiquato. A cosa serve conoscere ogni singola risoluzione eccezionale di ogni singolo accordo di settima di quarta specie? Come manuale da consultare per approfondire va benissimo, per studiare meglio il metodo di Bruno Mazzotta, purtroppo fuori catalogo, ma che frugando si "trova" in pdf..., che ricalca fedelmente (spiegando molto meglio) il metodo di Rimsky-Korsakov.

Oppure il metodo di Walter Piston, che segue le regole di insegnamento anglosassone, molto più "pratico" e rapido di quello seguito dai Conservatori italiani.

Non consiglio il metodo di Schönberg perché secondo me ha più un valore storico sulle polemiche nate riguardo il metodo seriale e le prese di posizione dell'autore al riguardo. In altre parole: ci sono dentro pagine e pagine di polemiche di Schönberg verso i suoi detrattori e la parte "pratica" è estremamente noiosa.

 

P.S.: il Mazzotta c'è chi ce l'ha, a caro prezzo, però...

 

:-)

 

 

 

UgOT

http://trafficarte.wordpress.com/

Re: la tonalità in key

Ugo a casa ho Walter Piston (che a me non è piaciuto più di tanto perchè non era "didattico" come avrei voluto io all'inizio), ho quel libercolo azzurrino di Rimsy-Korsakov da cui ho derivato 7 scale Modali dalla sua Maggiore Armonica e conosco perfettamente il testo autorevolissimo di Arnold Shoemberg (uno dei suoi allievi fu John cage, buonanima) il quale diceva verso la fine "Chi oserà ecc.. ecc... parlando dell'Armonia dei Timbri che secondo Lui (e anche secondo me, molto modestamente) avrebbe soppiantato le regole dell' Armonia Classica (che peraltro conosceva a menadito). 

Tuttavia trovo che il De Ninno sia scolastico e rigido quel tanto che basta per essere inteso da chiunque, specie all'inizio. 

Poi che tu preferisca l'un didatta piuttosto che l'altro, padronissimo. 

Io ho imparato una cosa nella vita. Nessuno ha la verità in tasca e ognuno compie il proprio percorso evolutivo in base ai mezzi di cui si dota e in base all'apertura mentale di cui madre natura l'ha dotato.

In virtù di questo principio lascia ai lettori della nostra corrispondenza trarre ogni decisione circa il da farsi. 

Mi fa piacere comunque di avere in Te oltre che un interlocutore sempre interessante, qui come altrove, un pari livello come insegnante. 

 

Edit .. pardon ... intendevo scrivere LASCIO (non lascia) 

Re: la tonalità in key

preso il libro alla feltrinelli, comincio a studiare aspettatevi tante domande

Re: la tonalità in key

Fai pure tutte le domande che vuoi, non c'è problema ma sappi che tutte le risposte sono già contenute nei testi che consulterai.

Re: la tonalità in key

bravo, far fatica a studiare è il modo migliore per investire il proprio tempo (e ottenere risultati)