consigli a un novello compositore per film

Buongiorno a tutti, mi chiamo Daniele, sono all'inizio di questo percorso e vorrei chiedervi alcune dritte per quanto riguarda la musica per film.

 

Intanto volevo sapere se qualcuno di voi per musicare una scena usa gli streamers e i punches come aiuto nella sincronizzazione della musica a dei punti particolari della scena in questione.  

 e se si come fate, con quale programma? lo fate con programmi tipo logic oppure usate programmi di editing video appositi?

(ci ho provato con iMovie ma non ci sono riuscito).

 

Poi volevo sapere quando prendete accordi con registi e produttori che tipo di contratto firmate? Com'è fatto questo contratto, quali sono le clausole, che cosa ci scrivete in particolare?  E poi quando vi fate pagare nello specifico, alla fine del lavoro oppure metà all'inizio e metà dopo? 

 

Invece per la Siae quando depositate le vostre musiche per un film in media quanti brani depositate? E come ripartisce i compensi la siae? Cioè lo fa in base al numero di brani depositati per un film oppure in base ai minuti di musica, oppure diversamente?(mettiamo per esempio di un film per cui avete scritto 50 minuti di musica).

 

Grazie per le vostre risposte e la vostra disponibilità, grazie mille!! :)

Re: consigli a un novello compositore per film

Ciao Daniele e benvenuto.

 

Un software per inserire dei segni per la direzione è questo https://figure53.com/streamers/

 

Non ho esperienza in materia ma immagino che quando necessari questi cue siano forniti dalla produzione, non è il compositore che li mette.

 

Presupponendo però che tu lavorerai prettamente con virtual instrument anzichè l'orchestra vera, la necessità di usare un sistema così dettagliato secondo me si ridurrà.

 

Oltretutto la sincronizzazione delle musiche su immagini con questi segnali implica che il montaggio sia già semi-definitivo, e non è detto che questo possa accadere mentre il compositore ancora potrebbe fare delle modifiche di sostanza sulle musiche.

 

 

 

 

 

 

 

Ciao !
Maurizio

Re: consigli a un novello compositore per film

Poi volevo sapere quando prendete accordi con registi e produttori che tipo di contratto firmate? Com'è fatto questo contratto, quali sono le clausole, che cosa ci scrivete in particolare?  E poi quando vi fate pagare nello specifico, alla fine del lavoro oppure metà all'inizio e metà dopo?

 

 

Riguardo a questi aspetti non credo ci siano regole fisse, anche perchè la cosa dipende dal tipo e dimensione del committente.

 

Devi considerare inoltre che se sei una new entry del settore probabilmente ci sarà un po' di doverosa gavetta anche in questo senso: nei primi lavori magari non avrai contratti formali con clausole stringenti e garanzie scritte riguardo a pagamenti e quant'altro.

 

E' anche possibile che i primi lavoretti siano pagati cash, ma se l'attività evolve dovrai prima o poi prendere in considerazione l'apertura di una partita IVA o l'affiliazione con qualche cooperativa/organizzazione che possa rappresentarti fiscalmente.

 

 

Ciao !
Maurizio

Re: consigli a un novello compositore per film

si, la mia intenzione riguardo streamers e punches è quella di usarli per sapere quando cambiano certi fotogrammi per sincronizzare la musica(dove necessario) che probabilmente a volte suonerò io "in diretta" via midi, senza che ogni volta mi sto ad imparare la scena a memoria e i punti in cui devo cambiare.

 

riguardo al software che mi hai consigliato credo sia un buon programma ma purtroppo è a pagamento.. io speravo di cavarmela con qualcosa di gratuito :)

 

invece per il contratto (qualora ce ne sia uno) volevo sapere più che altro le cose che mi conviene specificare per non farmi "fregare" visto che sono alle prime armi e qualcuno potrebbe approfittarsene.

 

Comunque ti ringrazio per le tue risposte tempestive, mi hai fatto riflettere su diverse cose..

e naturalmente aspetto anche il parere di altri!! ahah :) buona serata!!

Re: consigli a un novello compositore per film

Il contratto non sei tu che lo scrivi, ma chi ti ingaggia; tu lo devi solo firmare.

 

Se una casa di produzione decide di utilizzare un contratto cartaceo con eventuale firma davanti ad avvocato etc..molto probabilmente utilizzerà dei contratti standard che a sua volta avrà fatto controllare da avvocati esperti perchè tuteli al meglio i loro interessi.

 

A te spetta il compito eventualmente di leggere quel contratto e discutere eventuali clausole che dovessi trovare lesive nei tuoi confronti.

 

Devi considerare comunque che fino a che tu sei la "parte debole" tra le due, per la semplice ragione che sei un novizio del settore, quel contratto non servirà a proteggere te, ma prima di tutto loro perchè non sanno chi sei e come ti comporterai durante le fasi del lavoro.

 

 

Ciao !
Maurizio

Re: consigli a un novello compositore per film

my 2 cents

non vorrei che fosse scontata l'idea che basti un mac e poche altre cose per diventare uno che vive di musia da film. Come ti è stato sugerito c'è la gavetta, ma non è poca. Prima ancora lo studio approfondito dell'armonia e composizione.

Imho è meglio che certi messaggi non passino

buono studio

Re: consigli a un novello compositore per film

Prima di preoccuparti dei contratti,sai suonare qualche strumento? Hai mai usato una DAW?Conosci l'armonia etc..etc..?

Re: consigli a un novello compositore per film

Io invece mi preoccuperei di averi gli agganci giusti, poi chi ti scrive la musica si trova sempre...

 

:-)

 

 

UgOT

http://trafficarte.wordpress.com/

Re: consigli a un novello compositore per film

sisi, conosco la musica abbastanza bene, suono da quando ero piccolo e ho già scritto diverse canzoni in collaborazione con altre persone. Suono 3 strumenti abbastanza bene e altri 2 - 3 da autodidatta. Negli ultimi anni mi sono dedicato allo studio della musica per film.

 

 

Per quanto riguarda gli agganci giusti è un'altra cosa che vi volevo chiedere, cioè sapete se ci sono dei concorsi o contest per questo genere di cose? Mi andrebbe bene anche musiche per videogame per cominciare.

(e comunque la musica la voglio scrivere io, è quello che ho sempre fatto e per cui sono nato).

 

Per le domande che vi ho fatto all'inizio potete rispondermi? 

-voi usate streamers e punches? E come fate, con quale programma? è possibile farlo con iMovie?

-per eventuali contratti solitamente quali sono le clausole che come compositore dovrei pretendere da un contratto?

-la siae come gestisce il pagamento per la musica da film? lo fa in base ai minuti di musica, in base al numero di tracce depositate o altro?

 

Re: consigli a un novello compositore per film

Con iMovie probabilmente puoi mettere qualche segno utilizzando gli effetti che ha a disposizione, ma non penso sia possibile inserire elementi così specialistici come gli streamer o i punch.

Sono funzioni pensate per un utilizzo professionale, per cui ovviamente non possono essere presenti su programmi che nascono per esigenze amatoriali.

 

Se lo scopo è solo di fare pratica, non è necessario avere dei segnali visivi (che nella realtà verranno forniti dal committente) ma ci si può basare sul tempo assoluto del punch, stabilendolo arbitrariamente.

 

-------------

 

Riguardo alla SIAE, sicuramente sul sito ci sono informazioni più precise, ma direi che il calcolo dei proventi è influenzato sia dal nome dell'opera che dal minutaggio nel filmato.

 

 

 

 

Ciao !
Maurizio

Re: consigli a un novello compositore per film

Provo, per una volta, ad esser serio... :-)

 

Per cominciare a lavorare in questo ambiente *devi* averi gli agganci, non nel senso (non solo nel senso, anzi...) di conoscere le "persone giuste" (produttori, registi influenti, amanti dei produttori, ecc...), ma nel senso che devi conoscere chi il cinema lo fa, materialmente.

La via migliore per cominciare è proprorsi a registi esordienti, contattare qualcuno che ha girato qualcosa, ma che forse con la tua musica potrebbe valorizzare meglio quel qualcosa che ha girato. Chi gira filmati per matrimoni, chi fa pubblicità e/o filmati aziendali.

 

I contratti sono solitamente contratti capestro, a meno che tu non abbia qualcuno che tratti per tuo conto e nel tuo interesse. A me è successo una sola volta, e ho avuto un contratto non solo vantaggioso, ma anche "blindato": quando il produttore ha provato a "contestarmi" s'è reso conto che avrebbe dovuto risarcirmi e comunque farmi mettere la firma sulle musiche del film... Altri tempi, e infatti di quei contratti di oltre duecento pagine non ho più sentito parlarne, neanche da musicisti ben più agganciati di quanto non fossi io.

 

Riguardo beams e altri accorgimenti per avere riferimenti dal vivo: si usavano e a volte si usano ancora quando bisogna registrare un'orchestra intera e ci sono dei cambi di metronomo importanti, altrimenti non ne vedo l'utilità.

Per scrivere musica per immagini solitamente si carica il filmato (o meglio: lo spezzone di filmato) nel sequencer e si lavora direttamente da lì: si cercano i punti di sync, si imposta il metronomo, si prepara la partitura con tutti i riferimenti per i musicisti in carne ed ossa che andranno a suonarla, se previsto.

Alcuni dividono il lavoro su più softwares, con uno fanno gli sketch con l'orchestra simulata da sottoporre al regista, poi riscrivono tutto in Finale o Sibelius (o a mano, quasi tutti quelli che ho frequentato saltano la prima parte e scrivono direttamente a mano....).

 

 

UgOT

http://trafficarte.wordpress.com/

Re: consigli a un novello compositore per film

scusa mauri, non ho capito cosa intendi con tempo assoluto del punch e di stabilirlo arbitrariamente..

 

comunque volevo usarli per comodità, perchè mi rendo conto che siccome sono all'inizio, magari non avrò subito a che fare con un'orchestra dal vivo, però vorrei almeno registrare i vari strumenti virtuali suonandoli io stesso con la mia tastiera midi (o al massimo chiamare qualche amico musicista e registrarlo).

punch e streamers li userei per rendermi conto mentre sto suonando di quando inizia una scena o quando cambia e anch'io devo cambiare di conseguenza in sincrono a certi fotogrammi dove necessario, oppure anche per dare il tempo e gli attacchi a eventuali musicisti che dovranno registrare qualche parte per me se Dio vuole. 

Altrimenti voi come fate per regolarvi con i punti di sync? che metodo usate?

(punch e streamer mi sono sembrati un buon metodo per accorciare i tempi e mettere tutto al punto giusto senza poi stare a fare troppo editing ). 

 

so che c'è anche chi compone impostando i tempi sul sequencer a mano (quando si passa per es da una battuta da 4/4 a una di 5/4 ecc.) e magari disegnano anche le note a mano invece di suonarle.. ecco a me questo metodo non piace, mi sembra una cosa meccanica e vorrei evitarla se possibile.

 

ugot, scusami, non avevo capito il tuo sarcasmo prima :)

 

 

 

Re: consigli a un novello compositore per film

Non ho capito una cosa: la musica la vuoi suonare "al volo", improvvisando mentre scorre il film?

Allora non hai bisogno di punch o streams o quello che è: suoni e basta, come si faceva all'epoca del muto e come fanno tanti per buttar giù idee.

 

Altrimenti, come fanno tanti altri, guardi il film, analizzi le scene, provi qualcosa, provi qualcos'altro, cominci a scrivere una bozza, provi sulla scena, vedi se serve cambiare ritmo/metronomo/impostazione generale.

Poi cominci realmente a scrivere, calcolando la lunghezza del brano rispetto alla scena, entrate ed uscite di parti/strumenti/cambi di timbro/cambi di ritmo/di metronomo/di quello che ti pare.

 

Io questa parte solitamente la faccio con carta e matita, usando il sequencer solo come metronomo e player del filmato. Una volta scritto tutto o quasi tutto metto in registrazione e comincio ad inserire tutto quanto, una parte per volta.

 

Stessa cosa facevo agli inizi, con la differenza che invece del sequencer con il filmato dovevo usare un cronometro a mano e passare intere giornate in moviola a far andare avanti e indietro la pellicola. Poi carta e penna e calcolatrice per capire quante battute ad un determinato metronomo avevo da scrivere per tot metri di pellicola...

 

Per aggiungere musicisti ai brani "sintetici" di solito basta una partitura e un metronomo in cuffia, e io che "dirigo", per modo di dire...

 

 

UgOT

http://trafficarte.wordpress.com/

Re: consigli a un novello compositore per film

no suonarla al volo, ma soltanto evitare il metronomo. Cioè mi piacerebbe registrare le parti come farebbe un'orchestra vera con un direttore che si prende il suo tempo all'inizio e poi va avanti senza nessun click (almeno credo che sia così, poi non so se alcuni usano anche il click..).

Quindi per aiutarmi in questo avevo pensato agli streamer. 

Ma da quanto ho capito non è possibile usarli senza un programma professionale a pagamento, giusto?

 

poi un'altra domanda. solitamente un film ve lo danno tutto intero e poi voi lo dovete dividere a seconda di dove serve la musica, oppure vi fate dare solo le scene da musicare?

e nel sequencer usate un nuovo progetto per ogni scena o fate tutto insieme in un progetto unico?

 

grazie mille cmq per il vostro aiuto!!!

Re: consigli a un novello compositore per film

no suonarla al volo, ma soltanto evitare il metronomo. Cioè mi piacerebbe registrare le parti come farebbe un'orchestra vera con un direttore che si prende il suo tempo all'inizio e poi va avanti senza nessun click (almeno credo che sia così, poi non so se alcuni usano anche il click..).

 

Non solo si usa il click, ma spesso c'è anche una traccia con il "conta battute" per sapere subito in che punto si sta, quando si fanno degli insert o quando ci si perde proprio...

Non dirigi un'orchestra che legge a prima vista una partitura sperando di beccare i sync al fotogramma (1/24 di secondo, se con standard cinematografico, altrimenti 1/25 o 1/30 di secondo) con il solo ausilio degli streamer.

Quelli sono nati e servono solo per anticipare l'arrivo di un punto di sync o un cambio di metronomo, per preparare il direttore ad una sottolineatura e roba simile.

I sync si prendono in partitura, non in registrazione.

 

Solitamente il film lo danno come soggetto, poi come sceneggiatura, poi lo si va a vedere in moviola più e più volte, discutendo con regista, produttore e spesso anche con il montatore l'impostazione da dare al lavoro.

Insieme poi si decidono i punti che necessitano di musica, quelli che se ne potrebbero avvantaggiare, quelli dubbi, quelli che sicuramente andranno lasciati vuoti, quelli dove finiranno le inevitabili canzoni.

Spesso per montare è stata usata una traccia musicale temporanea, per aiutare il montatore, ma soprattutto il regista, a mantenere un "ritmo" nella fase del montaggio.

Per me è un incubo: il regista, a forza di sentire "quella" musica d'appoggio (solitamente un brano strafamoso di qualche film della sua insindacabile collezione) se ne innamora, e non sente ragioni se tenti di indirizzarlo verso un'altra strada.

A me è successo di dover "clonare" un brano anni '40 perché il regista aveva passato settimane con quel brano appoggiato sotto il filmato. Ad altri è successo anche di aver problemi di plagio perché non sono riusciti ad evitare la fotocopia del brano utilizzato come Temp Music.

 

La colonna sonora solitamente arriva buon'ultima nella filiera di produzione, quando stanno facendo il premix dei dialoghi, degli ambienti e dei Foley. Per questo motivo va fatta di corsa: la sala mix è già stata prenotata e non aspettano certo il musicista per questo...

 

Se il lavoro lo permette (quasi mai) uno comincia a lavorare da molto prima: scrive i temi, elabora le diverse versioni, comincia a studiare come sfruttare al meglio il poco tempo che avrà, una volta finito il montaggio del filmato, per scrivere, sincronizzare e registrare tutto.

I musicisti di fama hanno una squadra di assistenti che si occupano ognuno di qualcosa: io ho fatto per anni il controllo generale della partitura (se c'erano errori banali di trasporto o di tessitura, ad esempio) che poi "renderizzavo" usando i virtual instrument, correggendo eventuali fuori sync, o sottoponendoli al compositore quando erano piuttosto "fuori" sync e quindi non bastava aggiustare di poco il metronomo.
Poi m'occupavo del riversamento di tutto sul mutlitraccia, a nastro prima e ProTools più avanti negli anni.

Il tutto poi finiva buttato perché sostituito dall'orchestra vera. Piuttosto frustrante...

Altri si occupano anche di suonare tutte le parti pianistiche, ad esempio. Cosa che io non ero e non sono in grado di fare a prima botta e con un'orchestra dietro le spalle...

Ottima scuola, se hai modo di vivere d'altro: pagavano una miseria per un lavoro di mesi e un investimento in attrezzatura enorme...

Dopo qualche anno e con due figli a carico ho mollato. Anche perché ne avevo visti parecchi di colleghi finire a gambe all'aria finanziariamente: decine di migliaia di euro di attrezzatura, da aggiornare continuamente, per paghe da da dattilografa alle prime armi...

 

 

UgOT

http://trafficarte.wordpress.com/

Re: consigli a un novello compositore per film

Ugo, sei stato chiarissimo, mi ritrovo in ogni parola...
Comunque se uno propio ci tiene ad intraprendere questa strada deve contattare gli allievi di qualche scuola di cinema o accademia e proporsi come collaboratore per le musiche, ovviamente senza pensare di guadagnarci, almeno avere il nome nei titoli...
Prima di pensare ad un film è meglio lavorare sui corti che servono apposta come palestra per i giovani registi.

Re: consigli a un novello compositore per film

capito, grazie mille!!

 

ultime due cose poi basta (per adesso) :)

- è proprio necessario pro tools? oppure me la posso cavare solo con logic e poi far fare il mixaggio a qualcun altro?

- conviene aprire un progetto diverso sulla DAW per ogni scena da musicare o fate tutto insieme su un unico progetto?

 

grazie ancora

Re: consigli a un novello compositore per film

- è proprio necessario pro tools? oppure me la posso cavare solo con logic e poi far fare il mixaggio a qualcun altro?
- conviene aprire un progetto diverso sulla DAW per ogni scena da musicare o fate tutto insieme su un unico progetto?

 

Mai usato ProTools se non al mix finale del film intero, quindi con dialoghi, ADT, Foley, ambienti e musica, in sala certificata Dolby.

Ora uso Logic, prima usavo Cubase: tanto tu al mix dovrai portare dei files audio, se sei fortunato e sono gentili quelli che si occupano del mix puoi addirittura arrivare con degli stems, ossia con la musica "divisa" su tracce parallele, già al giusto livello, ma che puoi manipolare ancora in fase di mix.

Càpita che un suono, un effetto, una battuta entrino in conflitto con la musica e quindi o abbassi tutta la musica oppure elabori solo la "parte" (melodia, bassi, percussioni) che da fastidio.

Ma devi essere fortunato: non è apprezzato che il musicista arrivi e si prenda una dozzina di canali del mixer...

 

Per quanto riguarda l'impostazione nella DAW: per i corti e i documentari sotto i venti minuti io lavoro tutto il film in un singolo progetto, anche perché io solitamente mantengo una certa coerenza timbrica e strumentale, per cui un singolo progetto mi semplifica le cose.

Per film più lunghi invece uso un project per ogni scena da musicare.

 

 

UgOT

http://trafficarte.wordpress.com/

Re: consigli a un novello compositore per film

Io posso consigliarti Hollywood Music Workshop, a cui ho partecipato nel 2013, per interesse, anche se non faccio di mestiere il compositore di colonne sonore; è tutto in inglese ed il livello è davvero alto (quell'anno c'era anche un ragazzo che ha lavorato come orchestratore in The artist, cinque oscar nel 2012).

Io ho seguito un corso che andava dalla composizione, all'arrangiamento/orchestrazione alla registrazione con direzione di uno spezzone originale hollywoodiano con orchestra (piccola) dal vivo in sync col video stesso....

L'insegnante era Conrad Pope e quest'anno c'era anche sua moglie, Nan Schwartz; se vedi i loro curricula capisci...

Abbiamo anche avuto la possibilità di una chat in diretta su skype con Alexandre desplat da Parigi.

Tutto molto interessante ma naturalmente non basta.

Il mio parere è che conviene fare molta pratica da soli, a partire da tanti spezzoni di muto che puoi trovare su youtube o altrove e cercare di cominciare a far pratica il prima possibile con qualche regista indipendente; magari gira bene e si cresce insieme (è accaduto diverse volte, anche a persone che conosco).

Se vuoi lavorare ad un certo livello, però, la conoscenza della musica ad un ottimo livello diventa fondamentale.

 

Chiudo suggerendoti un testo, non indispensabile ma interessante: A complete guide to film scoring; su internet comunque ci sono un sacco di siti che si occupano di musica da film con forum e tutorial anche molto interessanti...

 

ciao!

 

Arturo 

 

https://soundcloud.com/arturofornasari

 

 

Re: consigli a un novello compositore per film

In aggiunta a quanto scritto da arfo io ti consiglio anche di vedere questo libro, scritto da Jeff Rona, già collaboratore di Zimmer e Isham, tra i molti altri....

 

 

UgOT

http://trafficarte.wordpress.com/

Re: consigli a un novello compositore per film

perfetto, grazie mille, anche se purtroppo per il momento devo accontentarmi di poco per questioni economiche :)

 

..ma in questi libri c'è anche qualcosa che parli dei vari modi possibili per creare determinate atmosfere e suscitare certe emozioni (sia tramite una certa orchestrazione che tramite determinate progressioni di accordi), oppure è una cosa che devo continuare a studiare per conto mio? 

 

e poi ultimissima cosa, sempre per spendere poco..

secondo voi può andare bene per adesso usare solo i suoni di logic (anche orchestrali) oppure mi conviene comprare da subito una versione base di east west o vsl? 

(se dovessi scegliere VSL prenderei il pacchetto Special edition vol. 1 che sta a 295 euro e per il riverbero metterei sempre lo stesso: l'impulse response di logic per tutti gli strumenti, perchè non sono tanto capace di lavorare i suoni)

credete che possa uscirne fuori qualcosa di decente?

 

altrimenti prendendo east west opterei per hollywood orchestra SILVER che sta ora a 299 dollari, oppure la symphonic orchestra GOLD che sta a 247 dollari..

 

non so, ditemi voi, sono un po' confuso.. :)

 

grazie sempre per la disponibilità!!

 

Re: consigli a un novello compositore per film

....non so, ditemi voi, sono un po' confuso.. :)

 

Per esperienza, e a rischio di sembrare brutale, ti dico subito di frenare...

Non serve a nulla prendere questa o quella library di suoni quando non sei sicuro di quale sia la tecnica (ammesso che ne esista una...) per riuscire a creare un'atmosfera piuttosto che un'altra.

Jerry Goldsmith riusciva a creare qualsiasi atmosfera avendo a disposizione solo un quintetto d'archi quando lavorava in televisione, ma era Jerry Goldsmith...

 

Come ti ho già detto e come altri hanno ripetuto: trova il modo di "musicare" un filmato di qualcuno, se non ne hai a disposizione fai come ti hanno consigliato: prendi un film, leva l'audio e vedi cosa riesci a fare.

 

Ripeto: non spendere nulla, per ora, non serve a nulla, se non a farti salire la frustrazione quando capirai che non è con più suoni o più mezzi che si ottiene un risultato efficace, ma scrivendo la musica "giusta" per quel film o anche per quella scena.

 

Per imparare "come si fa" ad ottenere un determinato risultato la via migliore è lo studio approfondito, analitico fino al fanatismo, di quanti più film ti passano sotto gli occhi.

E quando parlo di studio intendo anche della sceneggiatura, del montaggio, delle scelte registiche sui movimenti macchina e di direzione degli attori, delle scelte riguardo il colore generale, gli effetti sonori, e infine la musica.
Questo è quello che mi è stato insegnato da due grandi muscisti italiani del periodo d'oro, Mario Nascimbene e Carlo Savina, con i quali feci un corso quasi trent'anni fa, il primo fatto in Italia. La successiva frequentazione con loro e con tanti altri maestri, oltre che l'amicizia, molto più recente, con uno degli assistenti di Goldsmith, m'hanno aiutato a capire che il film, essendo un lavoro collettivo, richiede uno studio globale di tutta la "filiera".
 

Lavorando, adesso, soprattutto al montaggio dei film, più che alla musica, questo approccio s'è rivelato giusto, e spesso vincente...

 

 

UgOT

http://trafficarte.wordpress.com/

Re: consigli a un novello compositore per film

La mia confusione si riferiva alla scelta tra le due librerie di suoni.

Invece la "tecnica" di cui parli la sto studiando già da un bel po', semplicemente vorrei approfondirla ancora (perchè non si finisce mai d'imparare come sapete). Quindi vi chiedevo se c'era qualcosa (gratis) su internet che poteva aiutarmi ad approfondire il discorso, in particolare certe progressioni di accordi particolari che creano un certo "mood".

(Conosco già le scale modali e diciamo che ho studiato un bel po' come creare le atmosfere tramite i vari tipi di orchestrazione e strumenti (studio naturalmente che sto ancora proseguendo). 

Se vi viene in mente altro(ripeto, soprattutto sulle progressioni di accordi) fatemi sapere, altrimenti continuo su questa direzione e su quella che mi hai indicato tu ugot.

 

E grazie per tutti questi consigli e informazioni, ne farò tesoro. 

 

Re: consigli a un novello compositore per film

A me sembra che tu abbia tanta confusione nella testa,e troppe idee senza basi concrete....

Re: consigli a un novello compositore per film

in effetti karmakode ha messo il dito nella piaga ..

 

pure a me sembra (senza offesa) che Tu voglia intrapprendere una carriera di cui sai poco o niente nonostante i tuoi studi ..

 

Uno che chiede se ci sono delle successioni armoniche che servono ad esprimere un momento tensivo o a dare emozioni in genere non sa assolutamente nulla di musica nonostante gli studi

 

la musica viene da dentro, uno ci nasce. Non ci diventa. Quindi o sei dotato di fantasia, gusto, inventiva o sta carriera non è per te 

 

invece che una critica  intendilo bene e fanne un quadretto, mettilo sopra il computer in bella vista e rileggi spesso questo che ti ho detto. così ti incazzi e reagisci come dio comanda

 

(auguri)

Re: consigli a un novello compositore per film

quasi in accordo con Karmakode a parte le troppe idee! mi pare tu ne abbia molto poche invece

"su internet che poteva aiutarmi ad approfondire il discorso, in particolare certe progressioni di accordi particolari che creano un certo "mood".

questo significa che di armonia non ne mastichi nulla.

Ti racconto solo una mia particolare convinzione.

Ho cominciato con la musica più di quarantanni fa, ora a 50 suonati ho ripreso a fare corsi DA STUDENTE per approfondire la prassi esecutiva barocca; in tutti questi anni non ho fatto altro che cercare autori nuovi (parlo sempre di classica), scoprendo continuamente cose per me nuove e sorprendenti. Questo non ha fatto altro che frenarmi quando penso di scrivere qualche cosa, capendo che dovrei studiare molto, non dico per avvicinarmi, ma almeno fare qualcosa di sensato. E anche guardando una partitura di 400 anni fa la sensazione è questa. Hai mai seguito qualche composizione di Bach con la partitura in mano? anche senza essere compositori è un orgasmo. Vabbè non è che si pretenda che tu scriva così, ma sappi che in giro per il mondo ci sono milioni di persone che l'armonia e la composizione l'hanno studiata.

La scelta di un plug in, di una Daw di un virtual è l'ultima cosa in questo momento alla quale devi pensare

my two dirty cents

Re: consigli a un novello compositore per film

quoto pienamente Romeo, ci siamo scritti sopra

Re: consigli a un novello compositore per film

Intanto vi ringrazio per i vostri interventi che comunque mi fanno riflettere, ma ora visto che ormai con le critiche direi che siamo al completo, potreste rispondere alle domande che ho fatto per favore?

 

la prima era se esisteva un modo per usare streamers e punch con programmi gratuiti

 

la seconda sta scritta circa 7 post fa, cioè quale suona meglio tra : 

VSL SE vol. 1 trattata esclusivamente con Impulse response di logic al volo, quindi senza fare troppo sound design

e

east west hollywood silver?? (oppure symphonic orchestra GOLD)

 

poi invece la mia ultima domanda l'avete travisata completamente.

intendevo dire se c'era da qualche parte un sunto dei vari modi per creare un'atmosfera già partendo solo con le progressioni di accordi, quindi mettendo completamente da parte l'orchestrazione per ora.

per esempio : 

-scala esatonale per atmosfere "magiche"

-modo frigio per uno stile orientale 

-successione di accordi minori per quinte (tipo Am - Em - Bm - F#m ecc.) per un effetto particolare 

-pentatoniche per un altro tipo di effetto ancora...

 

Capito?? questo intendevo..

Re: consigli a un novello compositore per film

il Modo Frigio non ha nulla di "orientale".

 

Semmai parla del Flamenco ... 

 

dal che intuisco che sul Modale hai idee confuse ... 

 

 

Re: consigli a un novello compositore per film

poi invece la mia ultima domanda l'avete travisata completamente.
intendevo dire se c'era da qualche parte un sunto dei vari modi per creare un'atmosfera già partendo solo con le progressioni di accordi, quindi mettendo completamente da parte l'orchestrazione per ora.
per esempio :
-scala esatonale per atmosfere "magiche"
-modo frigio per uno stile orientale
-successione di accordi minori per quinte (tipo Am - Em - Bm - F#m ecc.) per un effetto particolare
-pentatoniche per un altro tipo di effetto ancora...

Capito?? questo intendevo..

 

Magari fosse così semplice! O meglio: fortuna che non è affatto così semplice!!!!

 

Non basta mettere una sequenza di accordi più o meno elaborata per ottenere un effetto determinato, quando si parla di immagini le variabili sono talmente tante che spesso è proprio *non* mettendo musica che si ottiene l'effetto desiderato. O mettendola tre scene prima e poi riprendendola, in altra tonalità e con diversa strumentazione, due scene dopo.

O perdendo molto tempo con i rumoristi per calibrare per bene l'equilibrio di musica e rumori.

O convincendo il regista e il montatore che quella scena, se scorciata di venti fotogrammi in testa e allungata di cinque in coda non solo funziona meglio, ma permette alla musica di "respirare" fino alla fine della frase.

Ho passato giornate in moviola a ritoccare il film, dopo aver convinto (con notevole fatica...) il regista che sarebbe stato meglio dare un altro ritmo "visivo" al film per avere un ottimo rapporto musica/immagini.

È anche per questo che ultimamente faccio più il montatore che il musicista.

E lo faccio senza usare musica d'appoggio: l'immagine deve camminare da sola...

 

Una volta, ad un festival di musica per film, Mario Monicelli fece una battuta che gelò il pubblico, formato quasi esclusivamente di musicisti.

Disse, con il suo sorriso sarcastico: "un buon film non ha mai bisogno di musica!"

 

Poi aggiunse, sorridendo: "...e infatti tutti i miei film hanno la musica, e che musica!"

 

 

 

 

UgOT

http://trafficarte.wordpress.com/

Re: consigli a un novello compositore per film

pare di parlare ad un muro!!! successione di accordi modi, DEVI STUDIARLE QUESTE COSE!! devi padroneggiarle, non sentire una cosa e dire: che cosa era? carina quasi quasi la uso!

un compositore ha le idee e tramutarle in scritti è una cosa banale per lui, senza nemmeno provarla al pianoforte

Re: consigli a un novello compositore per film

potreste rispondere alle domande che ho fatto per favore?

la prima era se esisteva un modo per usare streamers e punch con programmi gratuiti

 

Personalmente ti avevo già risposto: essendo una funzione riservata ai professionisti e addetti ai lavori, la possibilità di aggiungere streamer e punch non è compresa nei programmi gratuiti.

 

Ribadisco anche che non è una funzione che serve al compositore, ma al committente.

 

Se il compositore vuol provare un punch non ha nessun bisogno di vederlo graficamente sul video, è sufficiente che stabilisca che (per esempio) a 3 minuti e 3 secondi del video ci va uno stop della musica, quindi ci *sarebbe* un punch.

 

A quel punto stabilisci che ti prendi 3 secondi di tempo per il rallentato o quello che ti serve per preparare lo stop; quindi a 3 minuti esatti la musica richiederà una modifica progressiva che termina a 3:03.

 

Ecco che hai il tuo streamer e il tuo punch.

 

 

poi invece la mia ultima domanda l'avete travisata completamente.
intendevo dire se c'era da qualche parte un sunto dei vari modi per creare un'atmosfera già partendo solo con le progressioni di accordi, quindi mettendo completamente da parte l'orchestrazione per ora.

 

No non esiste, anzi è una grande banalizzazione della semantica della musica.

 

Con le stesse 4 battute puoi commentare una scena di un horror o di una commedia, dipende da come le fai e da come tratti il materiale compositivo.

 

Lo stesso accordo o la stessa dissonanza può accompagnare inquadrature molto differenti tra loro.

 

L'emozionalità non è nel tipo di accordo/tonalità/successione, ma nel come padroneggi il materiale.

 

 

 

 

 

 

 

 

Ciao !
Maurizio

Re: consigli a un novello compositore per film

perfetto, grazie mille!!

Re: consigli a un novello compositore per film

Ciao. A mio modo di vedere ti stai facendo delle domande volte più alla psico-acustica piuttosto che alla progressione vera e propria di una sequenza di note o accordi. Tu vorresti che ci fosse un vademecum su tipo:
do, mi- = tensione
do, fa#, si = dissonanza momento catartico
do, la-. re-/fa, sol = 50 anni di canzone italiana da buttare via (vabbè questa l'avevo lì da tempo immemore) :D
e così via.
Temo non vi sia niente e se ci fosse non servirebbe a niente.
P.S. Ma hai presente in "giù la testa" di Leone al momento delle bombe che musica c'è? è un ossimoro di una bellezza devastante con tanti saluti alla psico-acustica :)
P.S.2 non prendertela ... devi solo chiarirti un po' le idee ;)

___________________
Claudio
www.audioban.com
================

Re: consigli a un novello compositore per film

A proposito di "ossimori", nel film "Gamer" (2009), al minuto 21:45, a far da colonna sonora a immagini particolarmente violente, dinamiche e spettacolari c'è un mesto pianoforte che potrebbe essere di Satie: un contrasto sorprendentemente efficace che mi ha colpito molto — tanto da citarlo qui.

---
Roberto Giannotta
Trieste, Italy

Re: consigli a un novello compositore per film

è la genialità di Kubrik in Arancia Meccanica, musica drammatiche in momenti ridicoli e musiche frizzanti ed allegre nei momenti drammatici; non riesco più ad ascoltare Rossini senza visualizzare un pestaggio!!!

chi si prende troppo sul serio spesso sbaglia bersaglio, in qualche film di Almodovar musicato da Alberto Iglesias ci sono musiche molto drammatiche a sottolineare (inutilmente) momenti già di per sè drammatici, una pacchianata insomma.

Arancia Meccanica non è propriamente un film drammatico, era avanti con i tempi ed era di un cinismo forse inusuale all'epoca, ma questo ridicolizzare il drammatico ha evitato di farlo diventare datato e pacchiano con gli anni, tra il drammatico ed il ridicolo la linea di divisione non è poi così marcata. Il Dott Stranamore doveva essere un film drammatico, ma in corso d'opera non so cosa si fumarono e decisero di farlo diventare altro. In Lolita invece la presenza di un istrione comico come Sellers (la sua più sublime interpretazione imho) non fa che rendere il tutto più angoscioso morboso drammatico

Re: consigli a un novello compositore per film

La tecnica della "musica a contrasto" è una delle più utilizzate nel cinema classico, come anche l'improvviso silenzio nel momento di climax di una scena.

Sono tecniche, che vanno padroneggiate, e come tutte le tecniche hanno una funzione, una ragion d'essere a seconda del risultato da ottenere e dei mezzi a disposizione.

Riguardo la "pacchianata" in musica: anche il grande Goldsmith ha fatto le sue fesserie in Basic Instinct, ad esempio. Ma amo credere sia stato un suo sberleffo alle richieste petulanti del regista: "più forza! Più dramma!!" e amenità del genere...

Uno dei maestri con i quali ho studiato 'sta roba mille anni fa, Carlo Savina, mi raccontò di quanto il suo caro amico Maurice Jarre si vergognasse di quella quinta aumentata del Tema di Lara, obbligato a tenerla dalla moglie (sorella mooolto più brutta di Charles Aznavour, a detta di Savina...), la quale, ascoltando Jarre che provava al pianoforte strillò "questa! devi tenere questa, di melodia!!".
Savina aveva le lacrime agli occhi dal ridere, lui solitamente serissimo, ricordando prima le proteste di Jarre per poter modificare quel Si Re La# Si che tanto orrore gli provocava, e poi l'espressione di rimprovero della moglie quando lui salì sul palco a ritirare l'Oscar...

 

 

UgOT

http://trafficarte.wordpress.com/

Re: consigli a un novello compositore per film

Uno che chiede se ci sono delle successioni armoniche che servono ad esprimere un momento tensivo o a dare emozioni in genere non sa assolutamente nulla di musica nonostante gli studi

 

Romeo...non lo volevo dire esplicitamente ma...qui sta il sunto di tutto  :-)

Il resto è anche peggio,a mio avviso.  :-)

Re: consigli a un novello compositore per film

Carissimo karmakode io ste cose gliele ho dette da Amico VERO. E col cuore in mano.

 

Molto meglio essere presi a pesci in faccia da un Amico che vedersi negare ambite opportunità di lavoro.

 

Io credo che il Nostro abbia capito perfettamente che era una critica (aspra, certamente e molto diretta) ma detta esclusivamente a fin di bene.

 

Che altro sennò ?

 

A volte certi modi servono a produrre frutto. 

 

 

Re: consigli a un novello compositore per film

Detto da me che son un pirla.... Amo la musica da film, altro che pesci in faccia..... Ne ho presi una nave e non solo nella musica,ma ho reagito e sono andato avanti..... Forse il problema non è lo studio.... Anzi forse è proprio quello. A volte bisogna buttarsi fregandosene e rimettendosi al mero giudizio degli altri più che a stare a pensare se è meglio questo o quello.... Le eterni indecisioni non portano da nessuna parte anzi ti lasciano in un limbo.... Prendi coraggio e vai.... Se sei forte imparerai dai tuoi errori....

Analog Mind in a Digital World

A.L.E.
Absolutely Last Effect
http://soundcloud.com/absolutelylasteffect

Re: consigli a un novello compositore per film

quoto Ale.

 

ben detto. Impari dai tuoi errori. 

 

Ci siamo passati tutti.

Re: consigli a un novello compositore per film

ma non vi preoccupate che non c'è problema :)

anzi credo che ci siamo fraintesi, probabilmente per colpa mia che mi sono spiegato male.

 

per riassumere una volta per tutte, quello che credo io è che le famose "progressioni di accordi" di cui parlavo non è che sono la ricetta pronta per creare questa o quella atmosfera, ma sicuramente aiutano in questo, oltre all'orchestrazione, il montaggio, le scelte su quando mettere o no la musica in certe scene, e altro.

Ecco quello che intendevo, quindi non è che volevo fare il furbetto imparando certi "trucchetti" e fare musica in quel modo :) no no, non vi preoccupate. :)

 

Quindi apposto così, sono contento di aver aperto questo thread, ho imparato parecchie cose interessanti e riflettuto su altre. Ringrazio di cuore tutti quelli che sono intervenuti e spero che questa pagina possa essere utile anche a chi in futuro ne avrà bisogno.

 

Vi auguro una buona serata (anzi una buona notte mi sa che è meglio vista l'ora :) e tanta buona musica.

 

A risentirci!! ;)

Re: consigli a un novello compositore per film

Ricorda che non sono gli "strumenti" che tirano fuori le cose "buone" ,ma chi e come li usa  ;-)

Quindi cuore e anima.....e cervello naturalmente.Le regole e le "convenzioni" esistono,ma sono fatti anche per essere bypassati.