MIDI: la ferraglia!

 

Ho notato che cresce il numero di musicisti che non fa uso di hardware MIDI, ovvero di sintetizzatori veri con codazzo di patch bay, merger, controller eccetera. Questi oggetti sono infatti sempre più spesso sostituiti da virtual instrument, di solito più facilmente gestibili... e fortunatamente anche meno costosi delle loro controparti ossidabili.

Io, come moltissimi altri, ho un setup ibrido di virtual instrument e sintetizzatori-ferraglia, di cui una parte è visibile nella foto sottostante. La lista completa dei miei amici di metallo (e plastica) sonante non è molto lunga, nè comprende pezzi particolarmente esotici, limitandosi a:

- Roland D-50 MEX
- Korg Wavestation A/D
- Korg Wavestation SR
- Yamaha TG77
- Yamaha TG33
- Roland D-110
- Roland PAD-80 (Octapad II)

E voi? Quali sintetizzatori/campionatori/batterielettroniche hardware avete in attività nella vostra catena MIDI?

Sotto con le liste! :-)

---
Roberto Giannotta
Trieste, Italy
 

Re: MIDI: la ferraglia!

Ah... vecchi ammassi di plastica e silicio...*sospiro*.

Io ho (e uso ancora, fortunatamente)



Kurzweil K2500R con un pò di RAM a bordo

AKAI S1000

Roland D550

Korg Wavestation

Roland D70

Yamaha DX7 I ( due )

Yamaha TX81Z

Korg 05R/W

Oberheim Matrix 6R

Elka Synthex

Korg M3R

Roland SPD8

Roland R8M

Ed un meraviglioso Rhodes MK II Stage Piano ...




Ma diventa sempre più difficile usare 'sta roba... nessuno ha più veramente pazienza, in studio.

Grazie Roberto mi hai fatto ringiovanire di almeno 15 anni :-))

Ciao!


Re: MIDI: la ferraglia!

Innanzitutto complimenti a Roberto per il mobiletto porta-rack che è molto aereodinamico.

Dop avere venduto nel corso di molti anni i vari Roland D-110, U-110, U-220, Yamaha TX-802, Casio CZ1, Korg DSS1, Korg DDD1, Korg M3R, Akai S-2000, Akai S-6000 e altri vari apparecchi accessori (effetti, patch bay midi, sequencer dedicati, ecc.), mi sono tenuto due Roland JV-1080 espansi con le schede aggiuntive, un Korg Triton Rack e un Roland JP-8080. Praticamente non li uso mai, ma ci sono affezionato, poi non si sa mai. Qualche suono di questi strumenti lo ho campionato, filtrato e usato con Kontakt 2 in qualche mio brano, ma di fatto sono sempre spenti (da quando lavoro con i virtual instruments risparmio anche un pò di corrente elettrica visto che sono accesi soltanto il computer,  l'interfaccia audio e midi, la master keyboard e l'amplificatore).

Un discorso a parte meritano altri due apparecchi che invece uso spesso, che sono il Roland GR-33 (di cui non uso però i suoni) che mi consente di pilotare gli strumenti via midi con la mia splendida chitarra Godin Multiac e il Roland VG-88 (virtual guitar system) che collegato alla chitarra di cui sopra emula una lunga serie di chitarre e di amplificatori.

Ciao,

Enrico

Re: MIDI: la ferraglia!

la storia della musica degli ultimi 20 anni! :)

Re: MIDI: la ferraglia!

Andrea, vedo che abbiamo qualche pezzo in comune! :-)

Io continuo a usare 'sta roba perchè ormai la conosco bene (gestisco i suoni di ogni macchina via computer con gli editor/librarian), e perchè mi piacciono un sacco certe sonorità di Wavestation, TG77 e D-50 (ormai uso di rado il TG33 e il D-110... anche se i loro suonetti lo-fi talvolta ci stanno proprio bene in un mix).

Aggiungo che lo spirito del DX7 vive nell'FM7 del mio arsenale virtuale!

Roberto Giannotta
Trieste, Italy

Re: MIDI: la ferraglia!

Enrico, il mobiletto è aerodinamico e ha le ruote, per cui faccio poca fatica a spostarlo in giro per la stanza perfino quando lascio le finestre aperte e devo muovermi controvento nei giri d'aria generati dalla bora ;-)

Roberto Giannotta
Trieste, Italy

Re: MIDI: la ferraglia!

Già,abbiamo qualche pezzo in comune!

Io non amo molto gli editor, mi ci inc&%$%& spesso, ma in effetti ormai essere abituati a gestire i synth virtuali su quei bei monitoroni e poi passare al display di un D50 è veramente un'operazione degna di un amatore, altrimenti....

Comunque hai ragione: spesso i "suonetti scrausi" sono molto più efficaci delle gran montagne fragili che si ottengono da molti V Synth attuali. Belli da soli, poi spariscono dietro a due chitarre.

Devo dire anche che i due DX7 sono ancora molto attuali proprio per questo motivo, e francamente di tutte le macchine che ho comprato erano gli unici su cui avevo dei dubbi di longevità. Mi sbagliavo, sono quelli che uso di più, insieme al Kurzweil. Poi ADORO il tg77, e quello me lo sono proprio perso, non ho mai avuto la possibilità di acquistarlo, solo di usarne uno di un mio cliente per diverse settimane. Roba d'altri tempi...



Saluti in FM ! :-)

Andrea

Re: MIDI: la ferraglia!

essendo chitarrista non ho molto: solo una master keyb e il mitico primo GR50 con quasi tutte le patch modificate da me negli anni. Ce l'ho da 10 anni ma lo trovo ancora attuale, come sonorità e versatilità. Collegato via midi ho un GFX700 della Boss che uso ogni tanto, ma con parsimonia dato che prediligo i suoni più tradizionali (che ottengo tramite un mesa-boogie e un fender twin reverb del '64).



ciao



---

Giuliano Michelini

Musimac staff

Re: MIDI: la ferraglia!

Continuo ad usare questi:

-TX802

-DX7

-Microwave I & XT

-FS1R

-Wavestation A/D

-D550

-----------------------------

Non sono riuscito a separarmene. E' vero i softsynth sono + versatili, + facili da gestire ma il loro suono non raggiunge ancora questi ferrivecchi. E' probabilmente solo questione di tempo.

Re: MIDI: la ferraglia!

Gli unici strumenti "sintetici" che uso sono quelli di Logic Pro (con Logic uso quasi esclusivamente l'audio), ma ultimamente mi sono lasciato tentare dall'acquisto di una Wavestation SR. Grande sint! E vedo che non sono il solo a usare una Wavestation, qui dentro!

Re: MIDI: la ferraglia!

..Non potevo restare fuori da un Thread di antichità..:-)

In studio uso ancora con sommo piacere:

Waldorf Q (quello blu con bordi in legno però)
Nord Lead 1 (è troppo bello con lo chassis svasato)
MKS80
MKS70
TG77
WS AD
Waldorf Pulse
JD990
01WR
MATRIX 1000
Jupiter 6
Prophet 600
Orbit
K2000R

tra le macchine spente o di uso meno frequente
Juno 106
JX8P
D550
Vintage Keys
DX7 II FD
TX81Z

sono riusciti ad eliminare i minareti di Akai e Emu appena in tempo per pagarmici una cena con la moglie al ristorante..:-(

Nello home studio ho eliminato invece tutto tranne un Sy77 che mi fa da master e uno storico Prophet 5 midi che mi ostino a tenere e a restaurare periodicamente, ma da quello a meno di rovesci finanziari non voglio proprio separarmi :-)

Ciao Fabio

Re: MIDI: la ferraglia!

Io uso ancora, e con grande soddisfazione

Access Virus indigo
Novation Supernova 2 pro rack
kurzweil PC2 r
Roland XV 5050

ho appena venduto una Motif ES, sto per prendere una Korg Triton extreme 61

nel mio studio sono transitati di recente un Clavia Nord Electro 73 (pessimo) e una Korg Karma (..insomma..)

ciao!
Federico

Re: MIDI: la ferraglia!

mi aggiungo... nel mio studio ne è transitata di roba in pochi anni:

Access Virus C
Alesis QS6
Clavia NordRack2
Clavia NordRack3
Korg NS5r
Novation A-Station
Novation SuperNova2 rack (aveva un vocoder fenomenale)
Roland GrooveBox MC303
Roland GrooveBox MC505
Roland Jp8000
Roland JD800
Roland 3080
Waldorf microQ
Clavia NordRack2
Clavia NordRack3
e qualcos'altro che ora mi sfugge...

beh di tutto questo ben di Dio... non ho + nulla, solo l'Alesis che uso come masterkey.

Decisamente ora lo studio è vuooooto, ma di tutto quello che avevo alla fine usavo ben poco... maledetto Logic Pro 7 ;)

a finale mi manca la pasta, per me bellissima, del Clavia e quella acida del Virus (sono un nostalgico...) ma come qualcuno ha scritto...poco è il tempo da dedicare a queste macchine, ora apri un instrument...smanetti poco e via...

Sinceramente ora sono indeciso se prendere un Virus Ti o farmi la PowerCore con il Virus a plugin...

------------------------------------

Dr. Joe Maffia

MandraStudio - Italy

http://www.mandrastudio.it

------------------------------------

Re: MIDI: la ferraglia!

Mi aggiungo anch'io

Per ora il mio studio Midi è così assortito:
Yamaha S90ES con PLG100-VH e PLG150AN
Yamaha TG77 - a breve lo vendo
Yamaha MU90R
Roland MGS64
Roland JV-2080 con espansioni Orchestral I, Orchestral II, Vintage Synth, Session, Pop, Super Sound Set, Bass&Drums, Techno
Korg M1REX + 5 PCM Cards: Orchestral, Brass, Fretted Instruments, Synth 1, Synth 3
Korg Wavestation A/D
Korg 03R/W

ciao Michele

La vita senza musica sarebbe un errore

Re: MIDI: la ferraglia!

Ah, fascinosi rack midi..anche se non possiedo granchè li adoro e ne uso spesso di proprietà di amici!!

Io personalmente possiedo solo:

ROLAND W30 ( anche campionatore 8 uscite)

MITICO JUNO6

CLAVIA DDRUM AT (batteria elettronica storica, quella con pad neri con filetto rosso e meccaniche da batteria vera registrabili, campioni originali bellissimi e realistici che tuttora suono e uso per registrare alcune batterie)

POD(ma non conta, è solo midi)

Re: MIDI: la ferraglia!

Prima di smantellare tutto avevo:
Minimoog
CS80
Rhodes 73
clavinet
MKS 20
MKS 70
MKS 80
D550
JV2080+varie card
DX7IID (che ho ancora)
TX802
TX1P
TG55
SY30 drum (nn ricordo bene la sigla)
KAWAY K5r
Wavestation A/D
S2000
Ora o optato x la comodità di avere tutto a portata di mano nel mio stupendo PB, certo il suono nn è lo stesso (e nn lo sarà mai), ma anche il cachè nn è più lo stesso, dopo 30 anni di studio credo di poter dire che rendono più le idee che il suono (un'altra verità e che c'è molta ignoranza, ed il fatto che del suono nn fregava niente a nessuno, ha creato in me un rifiuto verso tutto quello che possedevo), e poi posso lavorare in qualunque momento in qualunque posto (...), e questo mi da un senso di libertà notevole.

Re: MIDI: la ferraglia!

Ciao a tutti, sono passato di qua casualmente, ma letti tutti i vostri post non ho resistito ad aggiungermi al coro dei ferraglieri ...

Ho uno modesto studio che si cimenta in autoproduzioni e anch'io, non più giovanissimo, anzi ...,  nonostante i numerosi virtual e soft a disposizione continuo a mantenere orgogliosamente un setup hardware da cui non mi separerei mai (in verità qualcosa l'ho venduto di recente ma ... non erano gli inseparabili ivi compresa la delusione della mia vita lo yamaha ex5!):

korg wavestation ex (lo adoro!!!)

korg wavestation a/d (come sopra, non riesco a farne a meno)

korg m1r ex

roland jd800 (con le card guitar e piano)

roland xv-5080 (con esp. vintage, session e piano)

kawai k5000s

kawai k3r

e-mu esynth ultra rack (con una bella collezione di cd tutti originali)

ensoniq sqr (molto "usa sound")

yamaha tx7 (il dx7 l'ho regalato con soddisfazione ad un "giovine discepolo")

novation a-station (acquisito solo di recente)

fatar studio 2001 ... (master pesata che trovo perfetta per le mie dita e dotata di 4 i/o midi indipendenti ...).

Tra i caduti, in oltre 20 anni, ho annoverato sempre con soddisfazione ed oggi con un po di rimpianto: oberheim matrix 6, korg ms-10, moog prodigy (sigh), sc prophet 5 (sigh, sigh!)  korg poly 61, korg polysix, roland d50, roland sh01, e-mu emax, e-mu proteus, roland d70, roland super jv-1080 ed altri.

Ebbene si, sono nato (musicalmente) nell'era delle manopole, in prossimità dell'avvento dell'era "display e una manciata di pulsantini" e mi sono evoluto sino ai plug-in ma queste macchine, giustamente "ferraglia", continuano a funzionare e suonare alla grande e se usate a dovere (riprendendo un concetto già espresso nei post) non temono più di tanto la competizione con le nuove e più recenti pronipoti, evolute prevalentemente in termini di processori di effetti (emulazione di suoni reali a parte), cosa facilmente "aggiungibile" con poca fatica.

Tra tutti i post vedo con grande piacere che il wavestation, in tutte le sue salse, è gettonato e mi fa particolarmente piacere perchè non è una macchina da poco, anzi la ritengo una delle più perfezionate e complesse della sua specie e progenitrice della lunga schiera attualmente in commercio (basti pensare ai sui blasonati progettisti).

Bene ragazzi, è stato un grande piacere incontrarvi e scoprire che quasi tutti avete della "ferraglia" anche se, forse per coetaneità mi aggrego all'ultimo post di nobody (land???) nel concetto che, ovviamente, quel che conta sono le idee e non solo i bei suoni.

Buona musica a tutti voi!

YAMAHA TG77

Ciao,è ancora in vendita il TG77?

E qui non potevo mancare...

Ciao,

Io, col passare degli anni ho accumulato così tanta ferraglia da poterla usare come fermaporte per tutte le case della mia via. In realtà non uso praticamente più nulla però da buon amatore un po' nostalgico, quando ho qualche soldino da buttare continuo ad aggiungere "ferri vecchi" e non riesco a vendere nulla.
No so come mettere la foto, se qualcuno gentilmente me lo spiega, vi mostro il mio arsenale.
Provo a fare un'elenco in ordine di rack:

Korg EX800
Akai VX90
Oberhein Matrix 6R
Casio VZ10M
Waldorf Pulse+
Waldorf MicroQ
Waldorf Microwave (prima serie)
Crumar Bit 01
Yamaha TG77
Roland D550 + PG 1000
Korg Wavestation AD
Roland D110

Akai S1100 (18 mega)
Emu e64 (40 mega)
Ensoniq ASR10 (16 mega)

Roland R8M
Roland R8 (con qualche card)
Roland Tr 808
Roland TR 707
Alesis DM5
Emu Drumulator
Emu SP12
Sequential Multitrack (da revisionare)
Casio RZ1
Yamaha RX5
Yamaha RX11
Styx ST305
Kawai XD5

Yamaha CS5
Kawai SX240
Sequential Multitrack (da revisionare)
Roland JX10 + PG800
Korg Poly800

I synth che ho avuto e rivenduto sono:

Ensoniq Mirage
Kurzweil 1000PX
Roland MKS50
Ensoniq EPS16+

Credo di aver scritto tutto :)

Ciao

Ricky

Mac G5 2.7 Dual, Logic Pro 7.2, Ultramatch Pro, CME UF8, A50 e tanti synth e drummachines analogici.

Il TG77 non lo producono

Il TG77 non lo producono più da un bel pezzo ma lo trovi facilmente nel mercato dell'usato a 200/300 euro

Mac G5 2.7 Dual, Logic Pro 7.2, Ultramatch Pro, CME UF8, A50 e tanti synth e drummachines analogici.

mMMille lucine!

Io patcho soprattutto con ferraglia:

Juno-106 (a volte effettato con lexicon mx-200)
JD-800
Yamaha cs6x
Electribe A-1 (uso poco al momento)

e appena potrò sps-1 per le drum

i vst alla fine li cestino sempre in favore delle macchine, magari li uso peggio ma mi sembra suonino semprè più piccolo dell'hardware. Ora come ora le mie mire sono solo verso hardware.
E poi i robot sognano spippoloni elettrici! :)

bit bit!

mordi la musica!

Cavoli fai benissimo, la elektron ha dei suoni stupendi, le macchine sono sempre e comunque più affidabili (il battery 2 crasha spesso, una drum machine è come la mamma, non ti tradisce mai).
Inoltre: suono il piano e faccio fatica a pensare che molti compongono con la tastiera alfanumerica (ARGH!!!!!), sentendosi cmq dei musicisti.
Quasi tutti i miei amici sono dei mostri con i programmi di sequencing vari, ma non sanno leggere uno spartito, mi sono sempre chiesto se somiglino di più a musicisti o a programmatori in codice binario.
Io non sono esattamente una cima con il mac, ma almeno so cosa sia un accordo..
Inoltre cosa dire di chi fa dj set usando pezzi scaricati dalle netlabel? Ma i vinili li sapete suonare?!? (non è come schiacciare due tastini sulla hercules, è un pochino più complicato..)
Viviamo in mondi d'aria, poco affidabili, c'è molto da riflettere..

Il tutto è falso.

Mondi d'aria..

Ciao a tutti
Certo che a leggere tutta sta ferraglia mi viene l'acquolina in bocca...complimenti per i vostri setup storici!
Questo è quello che ho io molto più modestamente:

- Roland Super JX-10 (2)
- Roland D-50
- Yamaha DX7 I
- Roland D-10
- Korg Trinity
- Korg N1r
- Roland JD990
- Roland D-550
- Akai S-3000 XL
- Emu ESI-4000
- Alesis D4

Collegandomi a quanto detto da Cala, concordo pienamente sul fatto che ci vuole prima la sostanza..oggigiorno chiunque può attaccarsi con una master ad un portatile e sentirsi un musicista...ma è un grosso errore, perchè smanettare non significa essere musicisti. Io sono sempre stato affascinato dal mondo della musica anche per l'aspetto "concreto": gli strumenti, le loro forme, la loro costruzione. Ricordo che durante le mie prime lezioni di clarinetto, rimanevo incantato a guardare lo strumento mentre lo montavo, assolutamente affascinato. La stessa cosa per quanto riguarda i synth...adesso forse c'è troppa abbondanza nel regno virtuale e chi comincia direttamente da lì, rischia di iniziare senza una base e di restare confuso da milioni di tipologie di suoni e di non comprendere appieno potenzialità e caratteristiche di ogni singolo strumento a disposizione.
Per quanto mi riguarda, i virtual sono una vera comodità ed è l'unico motivo per cui dal vivo da oggi in poi viaggierò sempre col mio Powerbook sottobraccio..Ma credetemi, fino a un mese fa me ne andavo via con Super JX, D-50 (o DX7) e Trinity + Rack con N1r, AKAI S3000XL, MIXER + Pedaliera Behringer FCB1010 + supporti e cavi...non è vita, fino a quando non ti chiami Tony Banks e la roba te la portano e sistemano gli altri... :-)
Ma, se facessi un concerto all'anno, quello sarebbe il mio setup!
CIAOOOO

abbraccia l'elektron!

hai ragione, non vedo l'ora di poter abbracciare mia madrelektron!!! Chissà quale crudele rivenditore la tiene chiusa in un magazzino!
Mi manca tanto anche nonna Clavia! :)))

bit bit!

La schiena fa gneek!!

E' vero, sinora ho sempre eseguito live con synth al seguito, ma meno del juno, notebook, mixer e multieffetto non sono riuscito a portare... viaggiando a piedi o via treno risulta un carico distruttivo! Infatti ora mi son preso un controller ed uso solo quello più ableton live... niente più parti melodiche eseguite da tastiera, solo controllo effetti e stuttura del pezzo smontato in loop audio (ricavati però dalle registrazione di harware). Come suddetto vorrei espanderlo con la sps-1 e nordlead 2 rack.

In camera tastieroni,
fuori knob e bottoni!

Riguardo al secondo discorso non mi sento di dare ragioni, per me il problema si poneva solamente nella ricchezza e nella pasta del suono; oltre alla possibilità di creare patch con tutti i controlli alla mano (perdendo però spazio e/o schiena dritta). Il "problema" della codificazione del suono e dei movimenti è percepito attraverso i sensi; la ragione avrà poi meno materiale (o un materiale di tipo differente, non so) da poter elaborare perchè, di fatto, si ha meno esperienza. Sì accorgerà dopo un pò che il vino è allungato con acqua, o che addirittura non sia wino. Dopo aver crato il problema lo risolverà, ma tenuto presente che comunque non tutto il vino andrà bevuto: rimarrà tra i denti, all'interno del bicchiere... La morale della favola è: in ogni caso sarà l'intelligenza di ognuno ad usare al meglio la proprie risorse, se l'ipotetico si crede musicista, cuoco, fico perchè usa macchinoni o fico perchè ha le robe più micro ma costruite ha un problema tutto suo!

ahaha la pippa mentale delle 2! :D

Ciao!

La Ferraglia aggiornata

Nel corso del tempo ho aggiunto qualcosa....:
Yamaha S90ES con PLG100-VH e due PLG150AN
Yamaha TG77
Yamaha FS1R
Yamaha MU90R
Yamaha QY700
Roland MGS64
Roland JV-2080 con espansioni Orchestral I, Orchestral II, Vintage Synth, Session, Pop, Super Sound Set, Bass&Drums, Techno
Korg M1REX + 5 PCM Cards: Orchestral, Brass, Fretted Instruments, Synth 1, Synth 3
due Korg Wavestation A/D + PCM Card Piano e Percussions
Korg 03R/W
Emu Proteus 2000
Emu Morpheus

La vita senza musica sarebbe un errore

ferraglia

... venduto tuttotuttotuttotutto...

Re: MIDI: la ferraglia!

Io come synth hw ho solo il microkorg,stavo facendo il pensiero di comprarmi un secondo minisinth tipo alesis micron oppure un evolver, ma credo che all'acquisto del nuovo imac intel taglierò la testa al toro prendendo reaktor 5 che unito ad absynth 4 ed fm 8 e live ableton 6 in versione completa, mi permette di avere sconfinate possibilità creative
--
Gennaro Giugliano

Re: MIDI: la ferraglia!

Quante belle cose...
Io dalmio modesto set possiedo quasi tutti vst, ma in tutte le tracce includo sempre
Korg electribe er 1
Korg electribe ea 1
Ed é un piacere suonarle senza problemi di crash delle daw
e rimpiango di aver venduto la Korg polisix...

Re: MIDI: la ferraglia!

Innamorato dei suoni Korg:

Master Keyboards:
KORG K25
KORG K49

Synth a Tastiera:
KORG Wavestation
KORG MS2000b
MicroKORG

Moduli, Rack, etc...:
KORG M1r
KORG Electribe A
KORG Electribe S

Re: MIDI: la ferraglia!

EEEtciu!!
Scusate ma in questo post c'è un bel po' di polvere...:) (da luglio 2007!!)
Volevo chiedere un vostro parere...
Vorrei acquistare un synth usato della famiglia Korg da affiancare alla mia Karma.
Considerando le caratteristiche di karma credo di avere bisogno di qualcosa da "suonare" quindi importanza massima ai timbri ecc.
Tetto di spesa max max max 1000€ ma non disdegno le proposte da 300-400€
Se avrete qualche consiglio sarò lieto di leggerlo!
Grazie mille
Daniele

Re: MIDI: la ferraglia!

mah, vediamo..non ho molta roba, c'ho il fido Korg T1 che uso come master (grande tastiera, in tutti i sensi, non dimenticherò mai i carichi/scarichi) Poi DX7 II Korg 05r (che uso ancora a volte dal vivo con alcuni suoni "miei") Akai S3000i (che non ho mai venduto per motivi affettivi) Multieffetto Yamaha FX900 (è per chitarra e ha una pasta tutta sua che mi piace molto) Poi non sono MIDI ma li metto: Moog Prodigy che suono appena posso, Poi ho una Crumar Multiman (regalo di un amico) Avevo anche una Wavestation che mi hanno rubato dopo un concerto (ancora se ci penso....) Tuttora mi piacerebbe un Rhodes, mi è rimasto il pallino della wavestation AD e di un synth tipo lo Ion. Non mi è ancora passato il gusto per i ferrivecchi, non per nulla mi sposto con un Guzzi Le Mans dell'83!!!! saludos Danio

AGGIORNO:
In questi anni l'hardware é stato rivalutato, ora dispongo anche di:
Korg R3
Novation KS4
Pedaliera Boss GT-6
Rhodes MkI 73  1976 (e un MKI 88 in processo di restauro)
Poi c'é il piccolo Monotron che peró midi non é ...

 

Re: MIDI: la ferraglia!

Ragazzi questo post è bellissimo..per la serie non è vero ma ci credo..... TUTTI noi usiamo i seq software ma nessuno o quasi riesce aliberarsi della ferraglia...

mi accodo all'elenco:

Roland Mc-307

Roland Juno 2

Roland Jx8P+Pg800

Roland Jd990

Roland Human Beat

Roland Jp-8000

Akai S-3000XL cn max espanzione + scheda effetti

Novation Supernova

Access Virus Ti

e qualche altro giocattolino......

la senzazione che mi danno queste macchine non è paragonabile a nessun VST !!! e poi i suoni e la presenza nel mix sono veramente notevoli!!!

Silvio Scardino aka Dsproject

Re: MIDI: la ferraglia!

(...incredibile come ogni tanto riemergano post dal nulla...)

 

Ho da poco tempo Omnisphere, e per quanto ci sia chi rimanga convinto della superiorità della ferraglia Midi ( suona meglio, ha più "pacca", l'hardware è sempre l'hardware...) non credo ci sia ormai molta roba in giro che possa reggere il confronto, giusto del buon analogico, ma buono...

Un computer potente con un'interfaccia di qualità e un virtual instrument ben programmato secondo me surclassa qualsiasi anticaglia. E' vero che ci sono tecnologie ( tipo la V.A.S.T. di Kurzweil) che non sono mai state "emulate", ma per il resto... Davvero un Akai serie S è superiore ai vari campionatori software?

 

A me restano alcuni ferrivecchi invenduti ( un Emu Proteus 1, una Dx7 prima serie) e roba più recente, comprata con cognizione di causa, però ( o almeno spero...): una Yamaha S90es che uso anche e soprattutto dal vivo, ma che ha comunque degli ottimi suoni da abbinare alle libraries software, e l'Akai Ewi4000s che è un mondo a sé, ovviamente...

 

 

UgOT

http://trafficarte.wordpress.com/

Re: MIDI: la ferraglia!

Io sulla ferraglia ci ho sempre messo poco le mani... ma devo ammettere che una S90es ha davvero un suono da paura, ed è un ottima tastiera, e sono sempre tentato di provare un'OASYS o un G-Synth... Anche se non credo che quello che fanno questi ultimi due non sia ottenibile in altre maniere...

______________________________________________________________

"There is only one good use for a small town...
You hate it! And you know you have to leave…"

Re: MIDI: la ferraglia!

Oberheim Xpander (classe 1984, purtroppo attualmente invalidato da problemi di alimentazione)

Roland Juno 60 (classe 1981, perfetto)

Jomox AirBase 99 (classe 1999, old style drum sounds)

Jomox MBase 01 (mono-analogicone)

Clavia NordLead 2x

Re: MIDI: la ferraglia!

Io ho avuto vari hardware come un roland u-110 e un d-110,un campionatore digitale roland ms-1 e il fantastico ensoniq asr-10 a tastiera (che mi manca tanto) tutti venduti ,poi sono passato ad una Yamaha sy77 che a parer mio a dei suoni così caldi da farti squagliare...e da poco ho acquistato un Korg Wavestation EX che è veramente fantasica!
 

Re: MIDI: la ferraglia!

A proposito di ferraglia... guardate cosa ha combinato il backliner dei Simple Minds con un vecchio, glorioso Juno106 qualche ora prima dello spettacolo...

 

Re: MIDI: la ferraglia!

Come lo capisco...

 

 

 

UgOT

http://trafficarte.wordpress.com/

Re: MIDI: la ferraglia!

Modestissimo contributo...

 

Arranger GEM Genesys

Scheda sonora "vecchia gloria" Roland SCC-1 su bus ISA di un vecchio PC... non ho il coraggio di dismettere quel PC, anche se non lo uso, significherebbe buttare via anche la Roland dopo 15 anni di onoratissimo servizio :-)

Re: MIDI: la ferraglia!

Io voglio aggiungere che il midi lo uso ancora alla grande, ho solo due strumenti esterni, un clavia nord electro 3 e un novation supernova II a rack.. Ma adoro programmare tutte le modulazioni dei controller (soprattutto sul supernova), rendendo il supernova quasi uno strumento virtuale ...

 

Ricordo su qualche rivista un tutorial per costruire con logic degli strumenti grafici che rappresentassero un sinth esterno con fader, manopole assegnate a controller midi... Se qualcuno lo ritrova, mi piacerebbe costruire un supernova copia del mio vero supernova...

 

UN altra cosa che faccio è costruire modulazioni con i drawbars degli organi del nord electro 3, in particolare dei farfisa, ... Certo c'è pure l'organo di logic, ma non so perché mi da più gusto così...

Power mac G4 dual 1,25 Ghz, 2 Gb di ram, Logic Pro 7.0

Re: MIDI: la ferraglia!

ciao ugot ti rispondo solo oggi,per dirti che hai ragione (Quanto Soffro)

e ti dico che come suona il K2600 fa paura piani archi e syntesi uniche

dal k1200 alla sy99 a korg01prox e ultima Yamaha es6 + 2matrix 1000 (2 per la Polifonia)

il K2600 è un Mostro e ancora piango da quando lo Venduta ma................non è detto.

NB.la vendita non mi ci ha fatto rimettere un cent. èd stata una necessità del momento e poi lo venduta a un estimatore che per poco no sveniva , lo fatta suonare con le prime Makie Hr8 e gli ho venduto pure quelle . per ora va bene così.

ciao bigmax

bigmax

Re: MIDI: la ferraglia!

Anchio non potevo tirarmi indietro da questa gloriosa parte musicale della mia vita:

 

I miei cari amici .........

 

Virus TI2 Keyboard White Out Edition

Virus rack

Oberheim Matrix 1000 White e Programmer Access

Oberheim Matrix 1000 Black

Roland MVS-1

Roland A-880

Roland V-Synth XT

Roland Sh32

Roland Sh201

Korg Radias

Korg Micro X White

Le Logan String Melody

La Musica é vita............

Re: MIDI: la ferraglia!

Mi è rimasto un expander E-MU Vintage pro, nella quale sono presenti molti suoni, veramente ottimi

di elektrik piano, chi lo conosce sa di cosa parlo.........

Re: MIDI: la ferraglia!

io sono un giovinastro gagliardo, ho un bel Roland Sound Canvas SC-88. Volevo chiedervi in proposito come sono i suoi suoni rispetto agli standard odierni? Per chi lo conosce ovviamente... tipo non so rispetto a un motif rack o giù di lì..

Tra l'altro avrei pure un problemino col mio vecchio amico se poteste fare un salto QUI voi che siete ferrati in materia di MIDI magari mi aiutate a salvarlo.

Re: MIDI: la ferraglia!

Ti ho già risposto, ma non hai più dato segni di vita...

 

Ad ogni modo, SC-88 rispetto agli standard odierni è semplicemente preistoria.

Ohne Musik wäre das Leben ein Irrtum

- F. Nietzsche

Re: MIDI: la ferraglia!

Ciao, voglio approfittare di questo thread per porre una domanda tecnica sul Korg 05R/W, se qualcuno lo sa: é possibile copiare in qualche modo i banchi di suoni da un Korg 05R/W ad un altro uguale?

Quello vecchio che ho sempre usato è guasto e non si può più riparare, ne ho comprato un altro usato ma funzionante, però contiene alcuni suoni diversi dal vecchio, probabilmente inseriti dal primo proprietario, e io ho un bisogno urgente di ripristinare i miei soliti banchi di suoni.. C'è un modo per poterlo fare? Grazie a tutti..

Re: MIDI: la ferraglia!

Se il Korg 05R/W è guasto (dipende dove... magari specificando si capisce come rispondere), ma almeno è possibile fare un dump, con Sys-Ex Librarian puoi salvare lo stato attuale della sua memoria e poi spedirlo al Korg 035/W funzionante.

 

Se invece il Korg 05R/W è guasto in modo tale da non poterlo interfacciare con il computer non poter fare nemmeno un dump totale dei dati, rassegnati perché non c'è altra possibilità.

Ohne Musik wäre das Leben ein Irrtum

- F. Nietzsche

Re: MIDI: la ferraglia!

Dopo aver venduto un po di materiale, mi sono tenuto anche se uso molto raramente:

1) EMU Proteus/1

2) KORG X5DR

 giusto perché ci sono affezionato e perché comunque ai loro tempi erano delle icone!!!

 

Nino Rotta

Napoli

Re: MIDI: la ferraglia!

Mi inserisco in questa discussione anche se non ho molto da elencare a parte l'oggetto della mia domanda che è un vecchio Roland D-50, attualmente in stand by, che mi piacerebbe risistemare.

Avete consigli?

Ne vale la pena? Ci sono diversi tasti e pulsanti un po' fessi ma suonerebbe ancora...

 

Grazie,

 

arfo

Arturo 

 

https://soundcloud.com/arturofornasari

 

 

Re: MIDI: la ferraglia!

Se non ricordo male il D-50 frusciava un po'. Ma a parte questo era caldo come una notte d'Estate passata in compagnia di Beyonce' ....
Per cui lo sai tu se vale la pena :-)
Ci sono bravi tecnici Roland che potresti contattare col centro assistenza. Quelli te lo rimettono a nuovo.

Re: MIDI: la ferraglia!

Dipende da quanto realmente ti piace la timbrica di Roland D-50.
All'epoca quando uscì non potevo permettermela ed è rimasta nel mio immaginario sintetico come uno strumenti da avere a tutti i costi. Molti anni dopo, quando c'era ancora la vecchia Lira, lo acquistai usato a 500.000 L, circa 250,00€ di oggi ma fu una mezza delusione anche a causa della sua tastiera parecchio consumata e non particolarmente dinamica.
Trascorsi più di otto mesi a caricare migliaia di patches con l'obiettivo di crearmi un set da 64 quasi definitivo, ma non trovavo mai soddisfazione. Una serie di patches che mi piacevano oggi, all'indomani già non mi soddisfacevano più. Stremato, esausto e deluso lo vendetti poco dopo allo stesso prezzo a cui l'avevo acquistato. E con questo, per me, l'esperienza con D-50 si è chiusa del tutto.

Ohne Musik wäre das Leben ein Irrtum

- F. Nietzsche

Re: MIDI: la ferraglia!

...io sono un felice possessore di un D-50, il mio risale al febbraio '88. lo uso costantemente sia dal vivo che a casa come tastiera midi. è un sintetizzatore, quindi un "generatore-creatore" di suoni particolari, direi anche unici,  con infinite possibilità di modificare i suoni, con effetti generici, come reverb, chorus, flanger, Eq parametrico ecc e con i classici envelop, filtri e amplificatori e generatori d'onda. se cerchi la classica tastiera che riproduce i suoni GM-GS lascia perdere... il D-50 è un synth per appassionati... imho

dire, fare... suonare

Re: MIDI: la ferraglia!

grazie a tutti :-)

Il D50 mi era stato prestato da mio cognato, chenon suona più, ma ci terrei a rimetterlo in sesto, se non si spende una follia; io l'ho usato pressochè solo come master quando non ne avevo altre...

mi informerò in qualche centro Roland...

 

arfo

Arturo 

 

https://soundcloud.com/arturofornasari

 

 

Re: MIDI: la ferraglia!

Ben fatto arfo.
Synth caldi come quello non ne fanno piu' neppure in casa Roland. Oggi emulano i circuiti analogici, non li implementa piu' nessuno. Costerebbe troppo.
Quindi se non ti costa una fortuna sei fortunato ad averne uno in buono stato. Lo sara' di sicuro dopo che ci avranno messo le mani quelli della Roland. Se poi te la fanno difficile torna alla carica qui. A Castelfidardo (AN) c'e' gente in gamba ....

Re: MIDI: la ferraglia!

Per quel che ricordo (ho avuto sia la versione a tastiera che quella Rack, con anche il programmer esterno) la tastiera della D50 è un cesso, praticamente impossibile da riparare: va sostituita in toto la bottoniera sottostante.

L'ultima che ho avuto, mille anni fa, la scambiai con non ricordo cosa e chi la prese la utilizzava solo come expander.

Anche la JD800, divertentissima da utilizzare live, ha avuto dei seri problemi per una colla che dopo qualche tempo cominciava a colare...

 

 

UgOT

http://trafficarte.wordpress.com/

Re: MIDI: la ferraglia!

Dalle parti miei fanno tastiere da sempre per qualsiasi cosa. Castelfidardo , la patria delle fisarmoniche, ricordi ?
Embe' questi Marchigiani qui non se so fermati mai alle fisarmoniche ....
E in ogni caso so di amici testieristi che ancora usano la D-50 per quello che sa dare un Roland d'annata. E guai se gliene parli male. Userebbero epiteti scurrili ....

Re: MIDI: la ferraglia!

Dalle parti miei fanno tastiere da sempre per qualsiasi cosa. Castelfidardo , la patria delle fisarmoniche, ricordi ?
Embe' questi Marchigiani qui non se so fermati mai alle fisarmoniche ....
E in ogni caso so di amici testieristi che ancora usano la D-50 per quello che sa dare un Roland d'annata. E guai se gliene parli male. Userebbero epiteti scurrili ....

 

E questo cosa c'entra con il fatto che le due Roland che ho citato hanno tastiere e contattiera che fanno schifo?

Materiali scadenti, progettazione scadente, impossibili da mettere a posto senza spendere una fortuna e/o fare un lavoro assurdo e lunghissimo.

Io ho avuto varie Kurzweil, con tastiere costruite da Fatar, semplicemente perfette.

Ad una di queste, la K2500, mi hanno spaccato due volte alcuni tasti (una volta mio figlio piccolo s'è appoggiato col gomito sulla tastiere in modo un po' brutale, l'atra volta il tastierista dei "Già Dik Dik" (giuro che esistono) l'ha suonata da par suo, ossia da animale da circo, e m'ha lasciato tre tasti "calati").

La prima volta con della bicomponente ho ricostruito la parte spezzata, la seconda volta la Fatar m'ha spedito gratis i tasti rotti, scusandosi per il fatto che avessi tante difficoltà a reperirli in zona.

Facili da smontare e da rimontare.

La D50 e la JD800 le avrò smontate cento volte per recuperare i problemi (soprattutto la D50) e tutto lì dentro diceva "lascia perdere!"...

 

 

UgOT

http://trafficarte.wordpress.com/

Re: MIDI: la ferraglia!

Ad esempio, prima della D-50 c'erano JX-10 e MKS-70, strumenti che possiedo da relativamente poco tempo e di cui sono follemente innamorato, nonostante la loro semplicità strutturale.

In particolare con JX-10 sto collaborando alla riscrittura del firmware della ROM A (Assigner Board) in qualità di beta tester. Dopo circa un anno di tentativi più o meno riusciti, stiamo arrivando alla versione definitiva e, in tutta sincerità, seppure ci siano ancora dei dettagli da sistemare, JX-10 non è paragonabile al progetto originale - almeno nel settore MIDI e sys-ex.

Il progetto prevederebbe anche l'aggiunta di ulteriori funzioni di sintesi, ma questo comporta una modifica strutturale e la sostituzione di un integrato, dissaldabile solo da personale molto esperto ed attrezzato. Visto che in ogni caso l'operazione riserva non pochi rischi, mi accontento di avere un JX-10 che si interfacci con MidiQuest e SoundDiver, rigidamente in macchina virtuale.

Tutto questo per dire che avere dalla propria esperienza tecnica aiuta moltissimo. Personalmente riesco al massimo a sostituire una EPROM, scriverne qualcuna con il relativo programmatore... ma qui mi fermo.

Di conseguenza, la vita di uno strumento dipende anche dalla capacità tecnica del suo proprietario. Purtroppo io sono costretto ad affidarmi ai centri assistenza che, oltre ad essere dispendiosi, non sempre fanno lavori a regola d'arte.

Ohne Musik wäre das Leben ein Irrtum

- F. Nietzsche

Re: MIDI: la ferraglia!

Cosa c'entra ? ma era per dire, no ?
Piu' esplicitamente ... c'e' gente che si lamenta di alcuni aspetti del D-50 ed altri che di quegli aspetti se ne frega e guarda al timbro. Per alcuni il timbro e' piu' importante della solidita' della tastiera. Ma questo lo sai. Un po' come per le chitarre ....
Comunque era per dire ...
:-)

Re: MIDI: la ferraglia!

Mi sa che qui andate usn po' sull'esoterico, per me... :-)

In ogni caso grazie per le risposte, cercherò di capire se il costo non è esagerato.

Ho proprio un paio di cari amici fisarmonicisti delle Marche, magari chiederò a loro.

 

arfo

 

p.s. come faccio a quotare?

Arturo 

 

https://soundcloud.com/arturofornasari

 

 

Re: MIDI: la ferraglia!

Io ho un D-50 (con l’espansione multitimbrica Musitronics MEX) da molti anni. Me n’ero innamorato quando era appena uscito (1988), ma allora ero uno studente squattrinato che non poteva permettersi un synth da 4 milioni di lire solo per giocarci, per cui l’ho preso usato una mezza dozzina d'anni dopo, quando era già sulla via dell’obsolescenza (ma mi era «rimasto qua»). Anni prima mi ero consolato acquistando il suo cugino povero multitimbrico, ovvero il D-110, per cui quando ho messo le mani sul D-50 sapevo già tutto di lui (hanno una struttura di sintesi praticamente identica), e ne elaboravo i suoni col SynthWorks sull’Atari (ho ancora l’Atari con dentro i SynthWorks per D-50, D-110 e Wavestation — era il modo migliore per elaborare i suoni dei synth digitali).

 

Alcuni suoni del D-50 hanno tuttora un loro perché (riesci ad ottenerci sonorità molto calde e “lussuose”) ed alcuni non si riescono ad ottenere con qualsiasi altro synth, ma è una macchina datata e obsoleta, che tengo solo perché ce l’ho già (se/quando si guasta non lo ricompro), perché la conosco benissimo, e perché ormai ci sono affezionato come a un vecchio cane.

 

La tastiera ha una buona risposta (infatti lo uso come master keyboard), anche se è famosa per essere una specie di monoblocco usa e getta (se si guasta uno spillo lì dentro, devi buttare via tutto). Il mio D-50 ha il tasto LA2 con la dinamica scassata (suona sempre a 128) ma per il resto è come nuovo (sempre usato in studio).

 

Ecco due recensioni critiche del D-50 che sottoscrivo:

 

http://www.soundonsound.com/sos/1997_art...

 

http://everything2.com/title/Roland+D-50
 
P.S. In questo forum non c'è un quoting automatizzato, per cui devi operare in modo artigianale: selezioni e copi (command-C) il testo che vuoi "quotare", e lo incolli nell'intervento che stai scrivendo, poi lo selezioni e usi il pulsante "Citazione" (il quadratino con le virgolettone, nella barra dei comandi del riquadro di scrittura) per trasformarlo in una citazione.

---
Roberto Giannotta
Trieste, Italy

Re: MIDI: la ferraglia!

Come fai per quotare ? Accetto banconote, assegni, bonifici e quantaltro. Poi sta sicuro che rendero' nota la cosa !
:-))))

Re: MIDI: la ferraglia!

Come fai per quotare ? Accetto banconote, assegni, bonifici e quantaltro. Poi sta sicuro che rendero' nota la cosa !
:-))))

 

...troppo tardi, ho scoperto l'arcano... ;-)

 

 

 

Arturo 

 

https://soundcloud.com/arturofornasari

 

 

Re: MIDI: la ferraglia!

P.S. In questo forum non c'è un quoting automatizzato, per cui devi operare in modo artigianale: selezioni e copi (command-C) il testo che vuoi "quotare", e lo incolli nell'intervento che stai scrivendo, poi lo selezioni e usi il pulsante "Citazione" (il quadratino con le virgolettone, nella barra dei comandi del riquadro di scrittura) per trasformarlo in una citazione.

 

Ciao Robegian,

mi era sfuggita la tua spiegazione e, smanettando, pian piano ci ero arrivato (vedi altra mia risposta) Comunque grazie! :-)

 

Per la cronaca: oltre al suddetto D50 possiedo anche una vecchia Roland tr505, un Roland Sound Canvas SC88pro e 'persino' un EMU Proteus 1XR....

Vera archeologia!....

 

arfo

Arturo 

 

https://soundcloud.com/arturofornasari

 

 

Re: MIDI: la ferraglia!

Mi ricollego a questo thread per chiedere un parere a tutti voi: ero quasi intenzionato portare a scuola i suddetti Sound Canvas e Proteus per usarli con i ragazzi (a casa proprio non mi servono) ma avendo per curiosità cercato le relative valutazioni ho visto che c'è gente che chiede 300€ per il Roland e 100€ per il Proteus!

Sono rimasto un po'perplesso ma l'idea di realizzare qualcosa non mi dispiacerebbe visto che a scuola, oltretutto, sarebbero ad alto rischio di danneggiamento/furto..

Secondo voi sono cifre credibili? 

E cosa fare di un vecchio atari st1040 che non uso e mi toglie spazio?

Grazie!

Arturo 

 

https://soundcloud.com/arturofornasari

 

 

Re: MIDI: la ferraglia!

L'Atari direi che è un ottimo computer per riprodurre i files MIDI, magari se corredato da un Notator o Cubase.

Per quanto riguarda gli expander, dipende da dove sono collocati e se è possibile posizionarli in luoghi inaccessibili a malintenzionati. Ad ogni buon conto, non so oggi cosa me ne farei di un SoundCanvas o di un Proteus 1... Forse il primo ha ancora qualche utilizzo, ma confrontandolo con SC-88Pro o SD-90...

Per quanto riguarda i prezzi, questi dipendono da due fattori: dall'idiozia di chi è disposto a spendere tutti quei soldi e dalla malafede di coloro che pubblicano inserzioni simili.

L'elettronica musicale ha un'obsolescenza ed una perdita di valore così repentine che spesso conviene tenersi la strumentazione. Spesso è più il valore affettivo che gli attribuiamo, il quale non segue quello commerciale.

D'altro canto però, seppure superati e nei loro limiti, certi strumenti possono ancora dire qualcosa.

Ohne Musik wäre das Leben ein Irrtum

- F. Nietzsche

Re: MIDI: la ferraglia!

A distanza di anni... aggiorno la lista della mia ferraglia:

Per ora il mio studio Midi è così assortito:
Yamaha S90ES con due PLG100-VH e PLG150AN

Yamaha Motif XF7

Yamaha CP4

Yamaha AN1x
Yamaha TG77
Yamaha MU90R

Yamaha FS1R

Roland Juno G con espansione Studio SRX
Roland MGS64

Roland JD-990 con espansione Vintage Synth
Roland JV-2080 con espansioni Orchestral I, Orchestral II, Vintage Synth, Session, Pop, Super Sound Set, Bass&Drums, Techno

Roland Fantom XR con espansioni Symphonique Strings, Complete Orchestra, Ultimate Keys, World Collection, Complete Piano
Korg M1REX + 5 PCM Cards: Orchestral, Brass, Fretted Instruments, Synth 1, Synth 3
Korg Wavestation A/D
Korg 03R/W

E-mu Proteus 2000 con Orchestral ROM 1&2

E-mu Morpheus

Ohne Musik wäre das Leben ein Irrtum

- F. Nietzsche

Re: MIDI: la ferraglia!

Ciao Michelet,

grazie del tuo contributo! :-)

In effetti le cifre suddette mi parevano esagerate per la 'ferraglia' in questione, anche per un sc88pro (che è quello che ho io), tenuto conto di cosa si può comprare oggi...

A scuola, anche se la sicurezza è relativa, almeno mi servirebbero a migliorare le sonorità di una piccola orchestra che gestico nel pomeriggio e in cui alcuni bambini hanno tastierine quattro ottave, poco più che giocattoli, ma dotate di prese midi... (orla mk20)... 

Per ciò che produco io, ormai, il roland è superato, anche solo per il fatto che non ho un collegamento digitale diretto...

Riguardo all'atari, come per roland e proteus, il conflitto è fra affetti e spazio, ma i midifile mi è più pratico riprodurli con i vari pc e mac...

 

Grazie ancora :-)

 

 

Arturo 

 

https://soundcloud.com/arturofornasari