Uau Atari!

 

Allora, quanti oltre a me hanno usato (o, come me, stanno ancora usando:-) un Atari per la musica in qualche momento della loro vita?

 

(Prevedo un thread lungo e felice:-)

 

---
Roberto Giannotta
Trieste, Italy

Re: Wow Atari!


 
Eccolo, il mio Mega STE, tuttora armato e pericoloso.

Quando l'ho acquistato, nel 1989 (o era 1990?), c'erano solo due programmi musicali che usavo: Cubase 2 e Synthworks D-110.

Poi sono passato a Cubase 3 Score (con lo Steinberg Studio Pack), si sono aggiunte innumerevoli utilities MIDI (quante ce ne sono per Atari!), Synthworks Wavestation, Dr.T D-50, Synthworks D-50 (acquistato usato in seguito) - che uso tuttora.

E usavo l'Atari anche per la grafica (Calamus, Outline Art, Arabesque, DA's Vector, Spectrum), ho avuto ivi le prime esperienze col 3D (CyberStudio), word processing (Il Redattore e 1st Word Plus), ci ho catalogato tutti i dischi e le audiocassette (centinaia!) con Superbase, ho giocato con LLamatron, Battle Zone, Arkanoid, Interphase, ProFlight, Mig 29 Fulcrum, Formula One Grand Prix, Megaroid, Missile Command, Tetris, Kid Kong, Star Wars, eccetera ('mazza quanto tempo per giocare che avevo!), lo deframmentavo con Diamond Edge, lo backuppavo con Diamond Backup (su decine di floppy, ci si passava mezza giornata!), avevo riformattato tutto con le ICD Utilities, velocizzato l'interfaccia utente con NVDI, copiato decisamente troppi floppy con FastCopy Pro e Acopy... e ho avuto le mie prime esperienze Mac «serie» con SpectreCGR, uno strabiliante emulatore di Mac Plus che andava molto più veloce dell'originale...

Uau Atari!

---
Roberto Giannotta
Trieste, Italy

Re: Uau Atari!

Roberto, quanti ricordi mi hai fatto ritornare in mente.



Il mio Atari l'ho usato intensivamente per ben 7 anni (dal 1989 al 1996) e non ha mai avuto un cedimento.

Non avevo tutti i programmi che avevi tu perchè ci ho fatto esclusivamente musica, e quanta musica !

Con il Notator della C-Lab e l'interfaccia midi export avevo la bellezza di 64 canali midi (32 affidabili, gli altri 32 da usare con attenzione a inevitabili ritardi dovuti al fatto che le tre porte aggiuntive erano sequenziali e non parallele).

Ora non ce l'ho più, l'ho venduto quando sono passato al PC e al Logic nel 1996 (ho ancora i floppy e i manuali del Notator e l'interfaccia midi export conservati da qualche parte), ma con il Logic ancora posso leggere tutti i files ".SON" creati con il Notator sull'Atari (che a suo tempo ho trasferito sull'HD del PC e poi salvato su CD).

Ne sto provando ad aprire uno proprio in questo momento con il Logic sul Mac le finestre di dialogo mi dicono:

"Alert: Notator SL File! Converting Notator SL file. Arrange Entries converted, Events converted..."

e mi ritrovo tutte le sequenze intatte smistate in vari folder (non so perchè il Logic le posiziona così) di una song realizzata la bellezza di 16 anni fà.... e mi sembrano trascorsi solo pochi mesi.



La vita passa veloce come una meteora.



Ciao,

Enrico

Re: Uau Atari!

Io non ho usato un Atari ma un bel Mac LCIII :-)

Diego

Re: Uau Atari!

 

ok lo confesso... io con l'ATARI ci ho solo giocato :D

Re: Uau Atari!

La mi esperienza con Atari 1024 e Atari portatile (non ricordo il nome). All'epoca pensavo che l'Atari servisse solo per fare musica con cubase :-(  ... (beh lo ammetto ero un pò "innocente"). Ho riversato centinaia di basi midi da un sequencer Yamaha QX5 (rotto) sull'Atari, un lavorone immane e nel "91/92 mi esibivo nei locali con il "COMPUTER" (all'epoca  mi guardavano come un marziano) e una tastiera (Ensoniq SD1), sulla quale ho poi riversato tutte le basi dall'Atari vendendolo :-(.

Che bei tempi...



Ah, (molto OT) qualcuno ha per caso una Ensoniq SD1 da vendere?

______

Claudio

Padova

======

Re: Uau Atari!

Atari portatile? Hai avuto uno Stacy? Wow! Zabow!

Ce l'hai ancora? Me lo vendi? :-P

---
Roberto Giannotta
Trieste, Italy

Re: Uau Atari!

Proprio lo Stacy... era un portento all'epoca. A dire il vero non era mio. lo usavo io in uno studio di un mio amico chitarrista (lui ne sapeva poco o nulla di midi&co) e l'ha venduto per prendersi qualche accrocchio per la chitarra :-S. Bisognerebbe vendere mai nulla:-(.

______

Claudio

Padova

======

Re: Uau Atari!

Madoooonnna! quanto tempo!
Ho esordito anch'io con il 1040 forse un po' prima di te, credo nell'86/'87 con Pro24 steinberg seguito poi dal primo Cubase, che nelle beta che giravano prerelease si chiamava Cubit (gli avevano cambiato nome, si narra, per una pericolosa assonanza in francese...)
Poi nell'89 sono passato a Notator con tutti i suoi ammennicoli (Unitor, export, più quel coso che ti permetteva di avere più slot per chiavi e altre porte midi).
L'Unitor era tra l'altro un sincronizzatore fantastico, secondo me andava molto meglio di altre cose che avevamo in studio ben più costose e blasonate, tanto che il sistema poi era pilotato dai due Studer che dal Pacer Kinetiks agganciavano Notator in tempi fulminei (per l'epoca)..
Primi esperimenti su Mac nel '90 con Performer: un disastro e son tornato all'Atari sempre con Notator e poi con Cubase su pressanti richieste dei DJ che venivano in studio fino al 95 quando è iniziata l'avventura con Logic che ancora continua...

Ciao Fabio :-)

Re: Uau Atari!

Cubeat in realtà è esistito: era una versione light di Cubase. Ti riferivi a quello? :-)

---

Roberto Giannotta

Trieste, Italy

Re: Uau Atari!

No, mi riferivo proprio a Cubit: ne vidi una pre release credo nell'88, da un amico programmatore che già allora girava per bbs a caccia di prede ;-)
Era sostanzialmente uguale al Cubase 1.0 con poche differenze (ma la memoria potrebbe ingannarmi in quanto dopo..ehm 17 anni di più o meno onorata carriera..).
Cubase uscì pochi mesi dopo col nome cambiato per i motivi di cui parlavo :-) ammesso che fosse vero e non una leggenda metropolitana: non so il francese, tanto meno quello gergale per cui non posso confermare o smentire..
Ah, io al tempo mi sono rovinato l'esistenza con Bolo sull'Atari, un infernale giochetto a 50 livelli sul quale ho rischiato di annullare la mia già poca vita sociale di allora!..:)

Ciao Fabio

Re: Uau Atari!

Roberto mi vuoi proprio far sentire uno zio.... agli albori della musica ne avevo due (1040) con un software di sequencing veramente pionieristico: il Dr.T KCS. (Emile Tobenfeld che sembra il fratello ingegnere di Bin Laden). Mi ricordo che stavano nel setup dal vivo (facevo musica dance live negli anni '80) ed era spaventoso perchè ogni lettera della tastiera faceva partire una song che veniva ovviamente immagazzinata nella ram. Prima di cominciare a suonare era una decina di minuti di croc croc croc con l'apina ma appena aveva finito si facevano tre-quattro ore di fila: in anni di lavoro durissimo e con diverse migliaia di chilometri macinati non ho MAI avuto un problema. *sospiro*.

Di recente ho dovuto riprendere delle song fatte con quel sistema (che avevo in audio, ovviamente) e, rifacendo il click col Logic sul G5 per riprogrammare il midi ho visto con piacevole orrore una song che partiva a 120 bpm arrivare a 120 bpm spaccati alla fine del brano. Mostruosi, anche se veramente vecchi. Non sono un nostalgico ma forse qualcosa nel nostro campo è andato storto.... :-)

Lo Zio Andrea

Re: Uau Atari!

Il leggendario KCS!

Ne ho una copia (originale - KCS 3.0, vedi foto) che praticamente non ho mai usato, e ti spiego perchè - il che fondamentalmente spiegherà anche perchè ad avere successo "nel nostro campo" poi è stato Cubase (per inciso: praticamente tutti gli altri sequencer «di successo» hanno illo tempore copiato l'arrange mode e altre cosucce da Cubase - Logic e ProTools compresi).

Io praticamente non so suonare. E leggo a malapena la musica. KCS era il sequencer più efficace per chiunque, appunto, A) sapesse suonare e B) avesse una buona conoscenza dei rapporti tra le note.

Nessun altro sequencer permetteva un approccio così diretto con la composizione musicale. KCS era il sequencer che meno s'interponeva tra l'idea e la sua realizzazione. MA... per usarlo proficuamente bisognava essere musicisti (nel senso classico del termine) ed essere disposti a sbattersi un po' per impadronirsi di un'intefaccia utente non particolarmente intuitiva.

Cubase invece permette anche ai non musicisti di ottenere abbastanza velocemente risultati accettabili, rallentando però il processo con sofisticati menu, bellissimi pulsanti e accessoriatissime finestre. L'ho quindi preferito a KCS per la sua natura più intuitiva - che si paga poi in termini di velocità operativa - e per il suo utilizzo meno orientato verso chi sulla tastiera (musicale) ci sa fare.

Inoltre, come dicevi, KCS è particolarmente indicato per situazioni dal vivo... e io sono un topo da studio :->

P.S. Non è che io abbia a suo tempo sprecato una piccola fortuna acquistando diversi sequencer per vedere quale meglio si adattasse alle mie necessità: KCS 3.0, insieme a una copia di Copyst Professional, mi è stato dato quale pagamento «in natura» per una consulenza tecnica che ho fatto per un negozio, in gioventù (costavano 479.000 lire ciascuno, a quanto leggo sulle etichette:-). Quando gli ho proposto la cosa mi hanno guardato come se fossi un fesso con l'hobby di farsi abbindolare (quei programmi non li voleva nessuno e quelli del negozio probabilmente si sono sentiti miracolati a liberarsene così;-)

---
Roberto Giannotta
Trieste, Italy

 

Re: Uau Atari!

Non posso definire altrimenti che emozionante leggere quanto bel software musicale per Atari si può scaricare gratuitamente (e legalmente) dal sito di Tim Conrardy:

http://tamw.atari-users.net/dwnloads.htm

Un tempo quei medesimi programmi costavano una fortuna :->

E lo stesso KCS è diventato uno shareware da $30...

P.S. Pssst... non serve avere proprio un Atari per poter utilizzare certi programmi:
http://users.skynet.be/sky39147/

---

Roberto Giannotta

Trieste, Italy

Re: Uau Atari!

Dimenticavo: con l'Atari ho anche avuto le mie prime esperienze di campionamento e di gestione dei campioni, grazie a Replay 16, un'estensione hardware che trasformava l'Atari in appunto un discreto (per l'epoca) campionatore a 16 bit (mono), con tanto di editor e di sequencer integrati.

Ci avevo campionato, tra le altre cose, una TR-808 e una TR-909, ben prima che uscisse ReBirth... :->

---
Roberto Giannotta
Trieste, Italy

 

Re: Uau Atari!

..Vabbè Roberto: l'hai già vista ma dopo tutte le dritte che mi hai dato non potevo non postarla...;-)







spero che con firefox funzioni perchè con la stringa di codice che mi hai dato purtroppo non mi funzia: sicuramente sbaglio qualcosa!



Ciao Fabio

Re: Uau Atari!

io ho iniziato mooolto + tardi di voi a smanettare col midi... nel 93 a casa di un amico che aveva un PC... e vabbè!
però questo 3d mi sta facendo venire voglia di bighellonare x la rete in cerca di un emulatore della Consolle ATARI e di un pò di ARCADE che giocavo nei lontani anni 80 :)

Re: Uau Atari!

Continuo a condividere una galleria personale di ruderi:

La prima direttamente dalla casa di riposo del materiale obsoleto di studio ma che non si butta mai via "non si sa mai…







..e questa rappresenta i vecchi unitor: uno è il primo modello, credo quello con chiave del notator+combiner anonimo

L'altro era la versione N che incorporava la chiave del Notator stesso e che avevamo dotato di Human Touch: qualcun'altro di voi ha perso il paradiso con quell'aggeggio? :-)





Ciao Fabio

Re: Uau Atari!

Lo confesso, tra i parametri che mi aiutano a determinare se un musicista è serio o no è se nel suo passato ha usato un Atari. Infatti ho notato che la maggioranza delle volte, quelli "seri" hanno usato un Atari!

Un po' è lo stesso a seconda se uno usa un Mac o un PC (di solito quelli "seri" usano un Mac...).

Re: Uau Atari!

Da qualche parte in garage, ne ho uno uguale a quello nella foto, con tanto di stampate ATARI ad aghi :-)
Era il 4th ATARI cghe prendevo, visto che è stato preceduto da 520/1040 ST e dal Mega (quello quadrato). Avevo anche l'HD esterno (stesso case, sempre quadrato).
Quanto ho speso in software che poi è rimasto a marcire sugli scaffali ... lasciamo perdere ...
Prima avevo il Commodore 64 (inizialmente con software Hybrid Arts http://tamw.atari-users.net/index.htm , per poi passare a Pro 16 della Steinberg), ma la vera attività professionale, l'ho iniziata con l'ATARI.

Niente HD recording, quando è arrivato quel momento (il Falcon), sono passato al Mac.

iPotenus

Salve a tutti !!

Mi inserisco, da buon ultimo e con il ritardo che mi è consueto, in questo thread....
Non mi sono mai considerato un Musicista (con la "M" maiscola...), ma tutt'al più un "musicofilo" (e non solo "passivo ascoltatore", se vogliamo definirlo così).
Io ho sempre (e solo) usato Atari per la musica anche se sono un appassionato utente Mac (e "solo" utente PC: ma senza passione....).
Ho smesso di suonare molti anni fa: quando l'Atari, pur al massimo delle sue potenzialità, dovette cedere il passo ad altre piattaforme: e non ho venduto nulla, di ciò che avevo: quindi, ho ancora Falcon, Stacy, Mega ST, ecc....
Se ricominciassi a suonare? Non c'è dubbio: l'Atari (con il suo sistema operativo in ROM) come lo accendi funziona, anche dopo quindici anni!

Buona musica a tutti (indipendentemente da come la producete....)

Re: Uau Atari!

Io ne ho usato uno per quasi due anni...ci facevo delle programmazioni con il Gr-50 che era multitimbrico a 3 (!!) parti... poi lo programmavo via sysex e cc vari, sempre dall'atari...
che tempi.

Tra l'altro all'epoca la apple non potè installare le porte midi native per via della famosa vertenza con la Apple etichetta discografica dei beatles. Cosa che sia in vigore tutt'oggi, credo...boh.
Cmq fu da lì che si generò il famoso suono di sistema "SOSUMI" (="e ora denunciami") :-)

ciaooo!

---
Giuliano Michelini
Musimac staff

Re: Uau Atari!

I primi 40 anni di Atari :-)

 

http://www.engadget.com/2012/06/27/atari...

---
Roberto Giannotta
Trieste, Italy

Re: Uau Atari!

Ho acquistato un Atari 1024 nell' 88 credo ma non sono mai riuscito ad usarlo veramente.All'epoca usavo dal vivo i seq. Roland (mc tutti) ed ero veramente una scheggia ad usarlo. Nei primi anni 90 ho preso un Lc 475 con Vision 2.0 e sono passato definitivamente al Mac.

 

Re: Uau Atari!

Avevo un STE 1040 preso nel settembre 1991, con cubase 2.0 , pazzesco con tutto quel " mettere e togliere floppy" ogni volta che dovevo caricare files... non so perchè ma era veramente stabile, processore Motorola 6800 e 1 mega di ram, da non credere... l' ho usato fino al 2002.

dire, fare... suonare

Re: Uau Atari!

Comprato ai prime dell'89, ero stufo di programmare il DX7 II a mano con un tomo da 600 pagine sulla sintesi in FM.....Poi l'ho usato anche per l'M1 e il D50....

Un bel giorno arrivano i ladri e si prendono tutto...... Comunque piacevoli ricordi :)

 

Analog Mind in a Digital World

A.L.E.
Absolutely Last Effect
http://soundcloud.com/absolutelylasteffect

Re: Uau Atari!

OT) quest'antico  argomento mi ha fatto ulteriormente capire, quelli che sono i diversi e"particolari o particolareggiati"

rapporti umani in un forum...

 

 

Re: Uau Atari!

Che meraviglia vedere quanti di noi qui hanno supportato la tecnologia musicale agli albori con antichità meravigliose come il Notator , l' Unitor, il monitor monocromatico , gli HD Quadrati che bastava guardarli male per sputtanare tutto "l'enorme contenuto" ahahahhah !

Rob , bello questo post , Grazie di farmi sentire per qualche istante un ragazzino heheehehe.

 

o ma nessuno di voi si ricorda il campanello dell'internal error con la mosca bloccata nello schermo ,  che meravigliose bestemmione nei miei vecchi ricordi ehehehehe.

Re: Uau Atari!

ahahahahahahaha

 

da buon bastian contrario io avevo in mente un OTARI non un ATARI 

 

ehehehehehehehe

 

;-)))

Re: Uau Atari!

Ma rob, qui le immagini dei tuoi post si sono suicidate tutte!

--

Frapox

– We're not computer, Sebastien, we're physical. – (Roy Batty, Blade Runner)

Re: Uau Atari!

Yesss - il servizio mac.com è appena morto.

 

Mortacci...

 

(Ma ho fatto il backup e sostituisco le foto a breve:-)

---
Roberto Giannotta
Trieste, Italy

Re: Uau Atari!

Ciao a tutti!

Mi aggancio a questo argomento... Con una serie di domande per smanettoni doc... :-)

 

Ho rispolverato il vecchio 1040ST per provare a convertire dei file scritti con il Pro24 in file midi (passando per Cubase per Atari e poi per PC - VST32 e da lì a Logic - un viaggio ai confini della realtà). Purtroppo il monitor sfarfalla e il floppy non va più (carica il TOS dalla ROM). Ho installato l'emulazione Hatari sul Mac e, con l'aiuto di un vecchio PC, dotato di floppy ho convertito in immagini i vecchi floppy. Insomma sono quasi riuscito nell'intento: qualche floppy non lo legge ma sarà fallato...

 

Però mi dispiace vedere l'Atari inutilizzabile... girando nella rete ho trovato degli adattatori dall'uscita monitor a VGA. Qualcuno ha esperienze in merito? E sempre in rete ho visto dei tutorial per la sostituzione del floppy, cosa che però mi è sembrata laboriosa anche perchè i nuovi drive in commercio sono HD e non basterebbe solo smontare e rimontare. Così chiedevo: ho un vecchio (anche lui!!) drive esterno non alimentato per PC  portatile  ma il 1040st non è di quelli con la connessione esterna per il floppy... e comunque quella del mio lettore è seriale...  avete qualche idea?

 

Grato, in anticipo, come sempre...

iMac 2,5 GHZ/Mavericks 10.9.5/ 16GB Ram/Logic Pro 10.0.7/Presonus AudioBox